F1 News, manager Alonso replica a Marchionne: “Tra 20 anni in Ferrari si ricorderà lui più di altri”

Formula 1, Ferrari: il manager di Alonso risponde alle provocazioni di Marchionne ma cercando di non fare troppa polemica! E anche Montezemolo si scomoda in aiuto dello spangolo...

da , il

    La provocazione di Marchionne rivolta a Fernando Alonso durante la conferenza stampa di fine anno tenutasi in casa Ferrari non è caduta nel vuoto. Il presidente del Cavallino Rampante aveva definito “Sebastian Vettel più ferrarista appena arrivato a Maranello di quanto non fosse Alonso dopo 5 anni”. Il manager del pilota spagnolo, stuzzicato dalla Gazzetta dello Sport, ha replicato ma tenendo i toni molto bassi. Clamorosamente bassi, tanto da far supporre persino che l’asso di Oviedo non reputi definitivamente chiusa l’esperienza italiana… Chissà. “Penso che tra vent’anni in Ferrari ci si ricorderà più di Fernando che di tanti altri. Ma la Ferrari non si porta sulla bocca ma nel cuore e noi abbiamo ancora tanti amici a Maranello che sanno quanto vogliamo bene alla Ferrari. Per cui, visto che è anche Natale, non vogliamo fare polemiche“, ha dichiarato Luis Garcia Abad.

    Montezemolo difende Alonso

    Con chi ce l’ha in particolare Abad? Chi è che non avrà lasciato lo stesso segno di Alonso? Pensa a qualche pilota o a qualche tecnico/ingegnere/dirigente? Sicuramente uno che il segno l’ha lasciato ed ha legato la sua ultima esperienza proprio al mastino di Oviedo è l’ex presidente Luca di Montezemolo che, non a caso, corre in soccorso della memoria di Fernando Alonso:“Sarebbe stato certamente più ferrarista se nel 2010 avesse vinto quel titolo mondiale che era più facile vincere che perdere. Se poi sono due le volte in cui lo perdi all’ultima gara… direi che va capito”, ha affermato. In effetti, per la cronaca, Alonso ha perso clamorosamente anche il titolo 2012 quando all’ultima gara Vettel uscì indenne da un incidente al via e questo gli consentì di racimolare i punti necessari a battere la Ferrari.

    … e loda anche Vettel

    Montezemolo non dimentica comunque di dare a Vettel i meriti che gli spettano:“E’ un ragazzo che ha dimostrato grandi capacità nel lavorare con il team e questo è fondamentale per la crescita della macchina e per il morale e l’unità della squadra. Come Schumacher, sa dimostrare che si vince e si perde tutti assieme”.

    Ferrari: un anno fa l’addio di Alonso

    Montezemolo: “Ferrari non poteva dire no all’ibrido”

    Nell’intervista rilasciata Tuttosport, Montezemolo torna su una delle ultime importanti decisioni prese da presidente della Ferrari per spiegare il suo punto di vista. Non tutti hanno capito come mai la Ferrari abbia appoggiato la “rivoluzione ibrida” della Formula 1 che ha fortemente penalizzato la Rossa ed ha concesso anni di dominio assoluto alla Mercedes:“Qualcuno pensa sia stato un errore ma la Ferrari non poteva dire di no ad un’evoluzione che rappresenta il futuro ecologico e tecnologico dell’automobile”. Quanto alle possibilità di ritorno alla vittoria, Montezemolo non si sbilancia:“Ci sono tutte le condizioni per guardare avanti con un certo ottimismo ma molto dipenderà anche da quanto sarà cresciuta la Mercedes. Recentemente Lauda mi ha detto non staranno ad aspettare“.