F1 News, Mercedes: “3 vetture per team se Red Bull si ritira”

F1 News, Mercedes: “3 vetture per team se Red Bull si ritira”
da in Formula 1 2017, Mercedes F1, News F1, Red Bull F1
Ultimo aggiornamento: Mercoledì 30/09/2015 15:06

    F1 News, Mercedes: "3 vetture per team se Red Bull si ritira"

    La Red Bull è alla disperata ricerca di una power unit competitiva per la stagione 2016 di Formula 1. La Mercedes ha detto “no” e probabilmente neppure la forza di Bernie Ecclestone farà cambiare idea ai tedeschi. La Ferrari ha dato il suo “sì” ma a patto che i bibitari si accontentino del motore evoluto nel 2015 e stop. Entrambi gli scenari non vanno bene a Dietrich Mateschitz ed il suo gruppo tant’è che la minaccia del ritiro dal Circus diventa un’ipotesi sempre meno provocatoria e più concreta. In risposta, Toto Wolff della Mercedes inizia a pensare a delle alternative ipotizzando il debutto della terza vettura a disposizione dei team interessati.

    Se Red Bull e Toro Rosso dovessero alzare bandiera bianca per davvero, la Formula 1 dovrebbe correre in fretta ai ripari per rimpolpare la griglia di partenza. “Se qualche team dovesse sparire come c’è stato il rischio che accadesse con la Lotus, abbiamo parlato della possibilità di schierare una terza vettura – ha spiegato Toto Wolff a motorsport.com – dal mio punto di vista è una grande idea e, se fosse per me, terrei dentro sia le Red Bull che le terze vetture in modo da arrivare a contare 27 o 28 macchine in griglia magari dando spazio anche a dei giovani interessanti”. Il capo della scuderia Mercedes ha un’idea precisa su quale sia la situazione della Red Bull e delle ragioni che hanno portato la Stella a 3 punte a negare la fornitura dei motori:“La F1 è una piattaforma e servono i giocatori. E’ un bene che la Red Bull resti ma ognuno deve pensare ai propri interessi, quindi il nostro punto di vista è che la nostra competitività viene prima di tutto”.

    La Mercedes va raccontando di non aver mai seriamente pensato di fornire i propri motori alla Red Bull ma Bernie Ecclestone sostiene il contrario in un’intevista a Sky Sports:“So che Niki Lauda e Dietrich Mateschitz avevano un accordo per la fornitura delle power unit. Da quello che mi risulta c’era stata anche una stretta di mano tra loro e proprio Lauda mi aveva confermato che la trattativa era andata a buon fine tra Mercedes e Red Bull. Non capisco che cosa sia andato storto” Ecclestone ha anche confermato che ora gli austriaci stanno contrattando con la Ferrari ma tra le parti sembra esserci un ostacolo insormontabile:“So che la Ferrari si è fatta avanti ed ha offerto le power unit di quest’anno ma non quelle che schiereranno nel 2016. E’ una situazione molto complicata”, ha chiosato.

    594

    PIÙ POPOLARI