F1 News, Mercedes confusa: “Vincere troppo rende antipatici”

F1 News, Mercedes confusa: “Vincere troppo rende antipatici”
da in Formula 1 2017, Mercedes F1, News F1
Ultimo aggiornamento: Martedì 29/12/2015 08:14

    F1 News, Mercedes confusa: "Vincere troppo rende antipatici"

    Il diavolo fa le pentole, Toto Wolff i coperchi. Il team principal della scuderia Mercedes di Formula 1 sta assumendo sempre più i contorni del “genio del male”. O no? Dopo aver dominato in lungo ed in largo due stagioni, aver “aiutato” la Ferrari a crescere perché battere la Rossa, a suo dire, ha tutto un altro prestigio che vincere contro delle Red Bull, in pieno delirio di onnipotenza è arrivato persino a teorizzare che la sua scuderia debba dominare meno il prossimo campionato per evitare l’effetto-antipatia di cui sono vittime i più forti. La drammaticità di tutto ciò è che Wolff non solo è perfettamente lucido. Ma ha anche dannatamente ragione!

    “Il nostro dominio non è un bene per la Formula 1 – ha affermato Toto Wolff al Daily Mail – le gare sono noiose mentre, invece, nello sport c’è bisogno di più competizione. Oltretutto, diventare una forza così dominante, ha ripercussioni negative sul marchio che diventa tutto ad un tratto antipatico come è accaduto nel passato recente alla Red Bull”, è stata la lucida analisi del team principal della Mercedes. Secondo Wolff, qualora questa situazione di monopolio vincente perdurasse, potrebbe toccare ad Hamilton e Rosberg alzare il tono della rivalità per movimentare la scena:“Dare completa libertà ai nostri piloti potrebbe essere una soluzione ma non voglio che ciò porti a contrasti dentro al team. I pugili possono prendersi a pugni sul ring ma non devono farlo anche i loro allenatori, i fisioterapisti o tutta la loro squadra. L’essenza dello sport è combattere in modo duro ma leale e far finire le ostilità una volta terminato l’incontro. Ovviamente in teoria è facile, in pratica molto meno”, ha osservato il manager austriaco.

    Si dice che uno dei maggiori supporter di Lewis Hamilton all’interno della scuderia Mercedes sia il presidente non esecutivo Niki Lauda. Eppure il pilota inglese ha recentemente rivelato che, inizialmente, tra i due non c’era un gran feeling. “Quando ho iniziato a correre in Formula 1 non ci conoscevamo, non ci eravamo mai incontrati – ha ammesso ad Autosport – Abbiamo iniziato a parlare solo a metà 2012 e da allora che ha iniziato a sostenermi. Lui da pilota era meticoloso e competitivo. Io mi rivedo in molti suoi atteggiamenti. Abbiamo delle caratteristiche in comune”. Nel corso della stessa intervista, Hamilton ha anche smentito che tra Lauda e Wolff ci siano problemi di convivenza:“Lui e Toto lavorano molto e influiscono su tutto il gruppo. Spero che resti a lungo in Mercedes. Non potrei chiedere di meglio”.

    576

    PIÙ POPOLARI