F1 news, Montezemolo traccia il futuro: “La Formula 1 deve tornare sui circuiti storici”

da , il

    F1 news, Montezemolo traccia il futuro: “La Formula 1 deve tornare sui circuiti storici”

    Luca Cordero di Montezemolo è tornato a parlare di Formula 1 e lo ha fatto sulle pagine de La Repubblica. L’ex presidente della Ferrari ha analizzato i grandi cambiamenti delle ultime settimane, come l’uscita di scena di Bernie Ecclestone e l’arrivo della Liberty Media. Montezemolo ha spiegato anche il suo piano per far uscire la Formula 1 dal tunnel nel quale è entrato da qualche stagione, ovvero quello di un campionato con sempre meno pubblico e meno appeal mediatico.

    “L’altro giorno io ed Ecclestone abbiamo parlato a lungo, mi ha chiesto se gli potevo dare una mano a trovare un lavoro – ha scherzato Montezemolo sulle pagine del noto quotidiano – A parte gli scherzi non si può chiedere a un 86 enne di essere l’uomo del cambiamento e nemmeno ad un gruppo di investitori che ha speso 8,5 miliardi di dollari di rinunciare a modernizzare un business che ha bisogno di importanti cambiamenti”. Montezemolo ha poi però tirato una frecciatina ad Ecclestone: “La vendita nel 2006 al fondo di investimento CVC è stata tra l principali cause della poca innovazione in questo sport. Bernie ha sempre pensato di fare tutto da solo e questo è stato penalizzante nel lungo periodo. Nel 2014 mi chiesero di prendere il timone al suo fianco, ma poi non se ne fece nulla”. Luca di Montezemolo, seppur non faccia più parte del mondo della Formula 1, continua ad amare questo sport. L’ex presidente del Cavallino Rampante ha anche voluto dare un consiglio a Liberty Media: “Bisogna fare gare più snelle e poi basta con GP come quello di Corea e India, bisogna tornare sui tracciati europei storici. La Formula 1 è uno sport storico grazie a quei circuiti. Ci vuole anche un regolamento più semplificato perchè un tempo ci voleva il 50% di bravura del pilota e 50% di qualità della monoposto per vincere. Ora è 20 e 80. Puoi essere anche Nembo Kid ma basta un ragazzino normale, con una vettura migliore, per batterti. Questo non va bene”.