F1 News: Monza, ancora nessun accordo con Ecclestone per i futuri GP d’Italia

La trattativa con Ecclestone per salvare l'Autodromo non vede ancora una conclusione positiva all'orizzonte causa mancanza di fondi

da , il

    Il Gran Premio di Monza di Formula 1 è sempre più a rischio. Le trattative per il rinnovo del contratto con Bernie Ecclestone non stanno arrivando ad una conclusione positiva e, dato che la divergenza è una questione puramente economica, si fatica a trovare spiragli di ottimismo. Angelo Sticchi Damiani, presidente dell’ACI Italia e della Csai, ha incontrato il boss del Circus anche in occasione del Gran Premio di Monaco ma l’esito del colloquio non ha spostato di una virgola il problema:“Penso che a questo punto punto sia più corretto che a parlare con Bernie sia l’Aci Milano che è l’azionista della SIAS (società che si occupa dei diritti commerciali, ndr)”, ha dichiarato.

    GP Monza: Regione pronta a versare 20 milioni a patto che…

    Dalla Regione Lombardia è arrivato parere favorevole a dare un aiuto al rinnovo del contratto che lega l’Autodromo di Monza alla Formula 1 ma non se ne farà nulla se non sarà varato dal Governo un provvedimento che defiscalizzi l’operazione: “La Regione Lombardia può dare un contributo in termini di ammodernamento dell’impianto e messa in sicurezza che richiederà alcune decine di milioni di Euro mettendone sul piatto 20 milioni purché sia risolta la questione fiscale”, ha confermato Angelo Sticchi Damiani come si legge su F1grandprix. Il rischio, altrimenti, è che quasi la metà dei fondi a disposizione vengano meno poiché riassorbiti dalle tasse rendendo, di fatto, insufficiente lo stanziamento previsto. In cambio, la Regione Lombardia entrerà a far parte della gestione del Consorzio del Parco.

    GP d’italia: ad Ecclestone non basta la storia!

    I problemi non finiscono solo con la necessità di ammodernare il circuito. C’è una grande domanda di Formula 1 altrove. Ci sono molte location esotiche pronte a sborsare grandi soldoni pur di avere il Circus a casa loro. Bernie Ecclestone lo sa bene ed alza la posta. Si dice che la proposta fatta a Monza, circa 20 milioni di Euro all’anno, sia del tutto analoga a quella sottoposta alla Red Bull per avere la F1 nel Red Bull Ring di Zeltweg. A fronte di questo atteggiamento, recentemente ha alzato bandiera bianca anche il GP di Germania. Toccherà una fine così triste anche allo storico Gran Premio di Monza? A questa domanda Ecclestone risponde con uno spiazzante cinismo:“E’ sempre stato così: chi vuole la F1 deve pagare e a Monza non lo vogliono fare. Quindi, sono anche loro a non voler rispettare la tradizione“. Secondo il capo della FOM, la richiesta è tutt’altro che folle:“Non ho capito se esiste davvero in Italia un promotore che voglia organizzare questo Gran Premio. In Europa si paga meno rispetto al resto del mondo per ospitare la F1 per cui c’è già un certo vantaggio. Noi siamo aperti a chiunque voglia farsi carico di questo evento ma non faremo sconti a nessuno”, ha concluso.