F1 News, niente GP del Qatar; a Melbourne il fuso orario è un problema

Formula 1: il Qatar si affaccia nel Circus e chiede un GP da correre nelle strade di Loisal

da , il

    F1 News, in arrivo il Qatar: circuito cittadino a Lusail

    Ecclestone ci ha provato, ma almeno stavolta ha trovato davanti un muro. Quello alzato dagli organizzatori del Gran premio del Bahrain, che non ci stanno a un’altra gara nel Golfo Persico. Il principe Al Khalifa può vantare il “record” di aver portato per primo la Formula 1 nel deserto e in virtù di un accordo sulla parola con il patron del Circus, è riuscito (al momento) a far valere il niet su una corsa in Qatar. Sbrigativamente, dopo aver tentato il colpaccio per correre su un cittadino a Losail, Eccelstone ha commentato: «Metto insieme le persone e dico: “Riuscite a risolvere la vicenda tra voi due?” Non ce l’hanno fatta».

    Dall’altra parte, lo sceicco bahrenita ha spiegato: «La mia opinione personale su un’altra gara [nell'area del Golfo], ovunque sia, è che non siamo pronti», ha riportato la stampa britannica. Tra i timori potrebbero esserci quelli legittimi di disperdere il bacino di appassionati su più gare, portando la gara in Bahrain a rivedere numeri di spettatori e incassi del week end di gara.

    Fa. Po.

    I tentativi iniziali di Losail

    Si chiama Lusail ed è in Qatar la nuova città che si candida ad ospitare la Formula 1. Il nome ricorda Losail, circuito teatro delle gare MotoGP effettivamente non molto distante. L’idea, però, stavolta, è quella di far correre le monoposto della massima categoria motoristica su un circuito cittadino che avrebbe le caratteristiche di qualcosa che ricorda la gara di Singapore più che il GP del Bahrain. Stando a quanto riportato da Autosport l’emiro del Qatar, Tamim bin Hamad al-Thani, ha già garantito il proprio supporto nell’organizzazione dell’evento.

    Il mondo arabo vuole il terzo Gran Premio all’interno del calendario di Formula 1 dopo Bahrain e Abu Dhabi. Ce la può fare visto che i fondi economici non mancano, gli interessi neppure. E la politica fa buon gioco grazie alla presenza di Nasser Khalifa Al-Attiyah come vice presidente della FIA. Ricordiamo, inoltre, che nel 2022 sarà proprio Doha, capitale del Qatar, ad ospitare la finale dei mondiali di calcio. La speranza degli organizzatori è riuscire ad entrare nel Circus già per il 2016 anche se sembra più realistico il 2017.

    [sondaggio id="411"]

    L’unica grana da sciogliere è convincere i vicini di casa del Bahrain che i due eventi non si cannibalizzeranno il pubblico a vicenda. Salman bin Isa Al Khalifa, amministratore capo del GP che si tiene sul circuito di Sakhir, ha mostrato un certo scetticismo:“Abbiamo ottimi rapporti con Mr. Ecclestone e sappiamo che lui ricorda sempre che siamo stati noi i primi a portare la F1 in Medio Oriente ma non vogliamo mettere un veto ufficiale. Pensiamo, però, che nella regione del golfo Persico manchi ancora un certo tipo di cultura e che sia presto per avere un’altra gara“.

    LEGGI ANCHE: PRESENTAZIONE ONLINE PER LA NUOVA FERRARI 2015

    GP d’Australia: ancora problemi di fuso orario

    Se gli arabi possono con un clic trasformare la notte in giorno grazie a circuiti dotati dei migliori impianti di illuminazione al mondo, lo stesso discorso non vale per l’Australia. I cittadini di Melbourne e gli organizzatori del Gran Premio che inaugura la stagione di F1 hanno mostrato parere contrario ad illuminare la pista. Si correrà, quindi, di giorno! Il “loro” giorno. Vale a dire la nostra notte europea. Ciò comporta un livello di audience molto basso che spinge Ecclestone a ritardare la partenza della corsa il più possibile. Piccolo/grande effetto collaterale riguarda le condizioni di luce fastidiose con il sole basso e dritto negli occhi dei piloti e le ombre che si allungano sempre più. Nonostante la FIA abbia chiesto di anticipare l’orario di partenza (successivamente alle richieste avanzate dalla commissione d’inchiesta sull’incidente Bianchi, per evitare problemi in condizioni di scarsa visibilità, prevedendo il via almeno 4 ore prima del tramonto), gli organizzatori hanno ribadito che – in accordo con la FOM di Bernie Ecclestone – è stato stabilito che i semafori si spegneranno alle ore 17 locali così come avvenuto negli ultimi anni. Prepariamoci alle solite polemiche…