F1 news: Raikkonen non ci sta, sfuriata contro la Ferrari dopo il GP di Monaco

Il finlandese ha avuto un acceso diverbio con gli uomini della Ferrari dopo il GP di Monaco, sesto atto del Mondiale di Formula 1 2017. Kimi Raikkonen non ha accettato il fatto di aver perso la gara per un sorpasso subito ai box.

da , il

    F1 news: Raikkonen non ci sta, sfuriata contro la Ferrari dopo il GP di Monaco

    Kimi Raikkonen non ha digerito il secondo posto nel GP Monaco F1 2017. Il pilota finlandese, dopo la gara di Montecarlo, è parso molto crucciato sul podio affianco ad un entusiasta Vettel e ad un sorridente Ricciardo. Nell’edizione odierna de La Gazzetta dello Sport, si legge di una pesante sfuriata del pilota nel box della Rossa dopo la cerimonia del podio. Raikkonen non ha affatto digerito il sorpasso subito ai box dal compagno di team. Lewis Hamilton, dopo il GP monegasco, ha lanciato le prime accuse: “Penso sia evidente che la Ferrari abbia scelto chi tra Raikkonen e Vettel sia il numero uno del team nella corsa al titolo”. Sembra che anche lo stesso finlandese non abbia accettato di buon grado questa decisione del muretto. Il box di Maranello ha spiegato a fine gara che non c’è stato nessun “aiuto” a Vettel, ma qualche dubbio rimane.

    Gli ordini di scuderia esistono da sempre

    Va anche detto che gli ordini di scuderia da sempre esistono nel mondo della Formula 1. La stessa Ferrari, prima con Irvine poi con Barrichello ed infine con Massa, ha spesso usato questa “strategia” per agevolare un pilota rispetto ad un altro. Lo stesso Raikkonen, nel 2007, fu aiutato da Massa e dal box per vincere il mondiale. Ora il finlandese è passato da “capitano” a “gregario” di Vettel. Probabilmente lo è da qualche anno nel progetto della Ferrari, ma essendo stato ben poche volte competitivo per il successo di un Gran Premio, forse non se n’era mai accorto. Ora Raikkonen, che non vince un Gran Premio dal 2013, dovrà fare una scelta anche in vista della Formula 1 2018 (è in scadenza di contratto con la Ferrari). Accettare il ruolo di seconda guida oppure cercare una nuova destinazione? a 38 anni suonati è tempo di fare una scelta importante per la fine della sua carriera. Sicuramente una Ferrari cosi competitiva è una monoposto molto appetibile e siamo certi che gli uomini del Cavallino Rampante si siano già chiariti con il pilota. Resta da capire, qualora succedesse un’altra volta una situazione simile a quella di Montecarlo (Raikkonen davanti a Vettel in gara), cosa deciderà di fare la Ferrari?