F1 News: Red Bull con Mercedes?

La Red Bull potrebbe essere spinta dai motori Mercedes a partire dal 2010

da , il

    Notizie Formula 1, brevissime dal paddock. Dalla Red Bull arrivano indirette conferme sulla volontà Mercedes di restare in Formula 1 dato che la vettura di Newey, dopo Brawn e Force India, strizza l’occhio ai propulsori tedeschi. Ciò non esclude, però, che la partnership con McLaren possa essere interrotta da Haug e soci.

    RED BULL MERCEDES. Va a finire che il motore unico in Formula 1 ci sarà davvero. Ma per espansione incontrollata della Mercedes che già spinge 6 vetture su 20 presenti in griglia e pesca consensi a ripetizione. Altro che voglia di ritiro, quindi. ?Ross Brawn ha dimostrato che e’ possibile costruire una vettura competitiva con un partner di motori totalmente nuovo. In questo caso Mercedes e’ attraente, non solo dal punto di vista dei propulsori? ha dichiarato Christian Horner spiegando come il sistema Kers dei tedeschi stia dando l’impressione di essere il migliore in circolazione. Ricordiamo che il contratto di fornitura con la Renault, fortemente voluto da Adrian Newey, scadrà a fine 2009. Newey, però, è lo stesso che, dopo aver vinto con la fantastica Williams motorizzata Renault, si è ripetuto con gli altrettanto stratosferici missiloni McLaren-Mercedes. Difficile, quindi, pensare che punterà i piedi.

    FORCE INDIA. In risposta a coloro i quali sostengono che la Mercedes possa lasciare la F1, arriva Vijay Mallya. Il patron della Force India si dice sereno sul prosieguo della partnership con la casa di Stoccarda e ricorda:“Abbiamo un contratto di cinque anni con la Mercedes-Benz High Performance Engines e non vedo alcuna ragione per cui questo possa non essere rispettato”. Il miliardario indiano tiene a sottolineare come un conto sia parlare della Mercedes come motorista ed un altro conto come partner della McLaren. In sostanza, secondo Mallya, è possibile che la casa della stella a 3 punte decida di vendere le quote in suo possesso della scuderia di Woking ma decida di proseguire in Formula 1 come fornitore indipendente.

    BMW SAUBER. Se il clima è incerto a Stoccarda, è tutt’altro che sereno a Monaco. Dall’altra parte della barricata, in casa BMW Sauber, Mario Theissen ed i suoi uomini sono alle prese con un evento inedito, il calo delle prestazioni:“E? una situazione inusuale per tutti noi. Da quando abbiamo iniziato, tre anni fa, abbiamo sempre fatto dei progressi”. Il delicato clima di fiducia è appeso alla consapevolezza che alcuni sviluppi tecnici saranno messi in pista per Barcellona:“Se non avessimo aggiornamenti previsti per Barcellona potevano considerarci in un brutto momento” ha affermato Theissen. Piuttosto scettico, però, è apparso Robert Kubica che ha minimizzato il presunto miglioramento sostenendo che sarà insufficiente per fare il desiderato salto di qualità.