F1 News: Red Bull mette Ricciardo in vendita

Helmut Marko fa capire che le strade di Ricciardo e della Red Bull si divideranno dopo la prossima stagione di Formula 1

da , il

    F1 News: Red Bull mette Ricciardo in vendita

    Ebbene sì, Daniel Ricciardo non è più un giovanotto di belle speranze ma un pilota di Formula 1 fatto e finito. Cosa ci fa ancora alla Red Bull? Semplice, fino ad oggi Helmut Marko e soci non gli avevano trovato un sostituto all’altezza. Fino ad oggi, dicevamo. Nelle ultime settimane, però, sono successi dei fatti diversi. Carlos Sainz è stato spedito in prestito alla Renault con la reale possibilità che torni a casa a fine 2018. Daniil Kvyat è stato messo da parte in Toro Rosso per far debuttare il campione in carica della GP2 Pierre Gasly che ha già impressionato. A fine 2018, inoltre, il contratto di Ricciardo scadrà e per lui non è previsto il rinnovo dato che il lato del box a fianco di Max Verstappen sarà destinato al rientrante Sainz oppure al francese Gasly qualora si rendesse protagonista di una stagione da vero fenomeno come accaduto al giovanissimo Max.

    A confermare questo scenario è niente meno che il demiurgo del Red Bull Junior Team, Helmut Marko.

    Piloti Red Bull F1: pochi nodi da sciogliere per il 2018

    Per il 2018 la situazione piloti della Red Bull è quasi completa: Ricciardo e Verstappen restano, Gasly prende il posto di Sainz e Kvyat ha chance di essere nuovamente ripescato. Nel 2019, come detto, cambierà moltissimo. Soprattutto andrà rimpiazzato Daniel Ricciardo:“Verstappen ha un contratto lungo mentre Ricciardo è già sul mercato. Siamo alla ricerca di alternative ma non siamo impreparati - ha specificato Marko – La Red Bull, rispetto a Ferrari e Mercedes, ha le palle di mettere due giovani piloti in macchina, per cui staremo a vedere. Gasly ha mostrato di avere un ottimo controllo della monoposto e nel suo primo fine settimana non ha fatto errori girando sul ritmo di Sainz. Su Kvyat vi faremo sapere presto”.

    Red Bull ritrova competitività: ora va presa sul serio

    Non solo grandi piloti ma anche una gran macchina: è questa l’essenza dei successi della Red Bull che vede finalmente uno spiraglio di luce in fondo al tunnel. I problemi di potenza che la penalizzavano sui circuiti veloci sembrano un vecchio ricordo:“A Sepang avevamo la stessa velocità della Ferrari e Vettel non è riuscito ad attaccare Ricciardo perché ha messo troppo sotto stress gli pneumatici – ha ricordato Marko a Motorsport.com – La nostra più grande soddisfazione, però, è stata quella di sorpassare la Mercedes e andare più forte di loro. Questa è la dimostrazione che il nostro lavoro sta funzionando. Siamo stati veloci anche a Monza e Spa pur se sfortunati. Adesso abbiamo il miglior telaio della Formula 1 e la monoposto è decisamente buona nel complesso. Mi aspetto Ricciardo e Verstappen ancora a lottare per le vittorie.