F1 News, regole 2016: idea doppio GP sabato e domenica!

Sarebbe una grande mossa per lo spettacolo ma a rischio di snaturare l'essenza della categoria regina del motorsport

da , il

    monza prove libere gp italia f1 2014 36

    Il dibattito sul futuro regolamento della Formula 1 prosegue anche nel paddock di Silverstone durante il fine settimana del Gran Premio di Gran Bretagna 2015. L’idea pazza, la tentazione folle che da vari anni stuzzica l’immaginario dei padroni del Circus, potrebbe diventare realtà già dal prossimo anno: perché non allargare il fine settimana aggiungendo un nuovo evento, vale a dire un mini-GP, una gara sprint, da disputarsi al sabato? Il dibattito è aperto. C’è chi non vede l’ora di aumentare le occasioni di battaglia in pista tra squadre e piloti. C’è chi crede che il Gran Premio sia letteralmente sacro. E, in quanto tale, vada tutelato. Debba durare al limite delle due ore e ce ne deve essere uno ogni due settimane. O giù di lì. Spezzettare i Gran Premi in tanti “piccoli premi” potrebbe diluire il fascino della massima competizione motoristica internazionale. Per seguire il LIVE della gara in diretta del GP Silverstone F1 2015, BASTA CLICCARE QUI!

    Gara sprint di F1 al sabato: si o no?

    Se si vuole aiutare lo spettacolo, allora non ci si deve pensare due volte. La gara sprint di F1 va fatta. E subito. Perfetto collocarla dopo le qualifiche o, perché no, nel tardo pomeriggio. Non male neppure pensare ad una serie B della Formula 1 nella quale vengono schierati i giovani piloti con una terza/quarta monoposto a loro dedicata. Se si vuole preservare la natura originale della Formula 1, invece, certi equilibri del regolamento non vanno toccati. Casomai, si obblighino i top driver a correre anche in GP2 o, comunque, una categoria con monoposto meno estreme ma tutte uguali (ve la immaginate una sfida Alonso-Hamilton-Vettel su delle F2 come accadeva una volta?) e, parallelamente, si lascino i grandi marchi sfidarsi a piede libero sul fronte della tecnologia più estrema della categoria regina.

    GP d’Italia a Monza, nulla è ancora perduto

    Restando in tema di Formula 1 del futuro, ricordiamo l’alto rischio che il 2016 sia l’ultimo anno del GP d’Italia a Monza. Questioni economiche minano il prosieguo dell’evento sullo storico circuito brianzolo. Imola si è già candidata come alternativa. Il Presidente dell’ACI Milano, Ivan Capelli, ha incontrato Bernie Ecclestone a Londra ed ha confermato che il patron del Circus ha tutta l’intenzione di fare il massimo per salvare uno degli autodromi più importanti al mondo. “Comune, Regione, Governo devono unire le forze per trovare risorse superiori a quelle attualmente a disposizione”, ha aggiunto Andrea Dell’Orto della Sias. A livello mediatico, intanto, prosegue la campagna #GPItaliaMonzaForever”.

    F1 2016: Renault punta al 51% della Lotus

    La Renault è sempre più convinta di tornare in Formula 1 con un proprio team. Potrebbe riuscirci già dal 2016 con una mossa tutto sommato semplice: acquistare il 51% delle azioni della Lotus alla quale aveva a sua volta venduto il team cinque anni fa. L’uomo chiave nella trattativa pare che sia Alain Prost. Per pareggiare l’esborso economico, sarebbero parallelamente abortiti altri progetti sportivi come l’impegno all’interno del WEC e la World Series by Renault (ex categoria propedeutica per eccellenza che potrebbe diventare la nuova Formula 2).