F1 News, Renault: quinto top team in arrivo!

Formula 1: Renault si candida a diventare un top team nel giro di qualche stagione ma, come ammette il capo della scuderia, i francesi faticano a trovare tecnici di talento che voglano sposare il loro progetto. Tra questi, comunque, pare proprio che finirà per esserci l’ex direttore tecnico della Ferrari, James Allison.

da , il

    Nella Formula 1 di oggi c’è un solo top team: la Mercedes. Se si vuole considerare mezzi economici, potenzialità tecniche e blasone, però, dobbiamo assolutamente aggiungere alla lista, in rigoroso ordine di competitività: Red Bull, Ferrari e McLaren-Honda. Dopodiché, c’è il vuoto. O quasi. La Williams non è più e non potrà più essere quella di una volta. La Renault, invece, sì. Nell’arco di un triennio, i francesi puntano a diventare il quinto top team del Circus. E possono farcela.

    F1, Renault: aumentare organico in quantità e qualità

    Non sarà un processo che porterà a vincere già dalla stagione 2017 di Formula 1. Neppure quella del 2018 sarà ricca di glora. Lo sanno tutti ad Enstone. La scuderia guidata da Abiteboul e Vasseur punta a mettere delle solide basi ed a crescere un passo alla volta. Le difficoltà, però, non mancano. E, incredibile a dirsi, alcune di queste vanno al di là degli avversari tostissimi e ben attrezzati con i quali confrontarsi in pista. Al momento, il principale scoglio da superare, per certi versi analogo a quello incontrato dalla Ferrari nella gestione del post-Allison, è riuscire a trovare tecnici di talento pronti a cambiare casacca:”Portare gente nuova dentro alla nostra squadra per aumentare sia in termini di quantità che di qualità non è stato facile – ha dichiarato Cyriil Abiteboul ad Autosport – è stato più difficile del previsto, perché i tecnici hanno già contratti validi e, anche nel caso in cui vogliano unirsi a noi, hanno bisogno di tempo per liberarsi dai precedenti accordi”.

    Formula 1: Renault progetto non credibile?

    Cyril Abiteboul ammette che la Renault sta faticando a ingaggiare cervelli di grido anche a causa di un progetto che emana poco appeal:”Una delle aree in cui soffriamo di più è che non riusciamo a convincere le persone delle nostre ambizioni e che Renault si sta impegnando nel progetto molto seriamente ma credo che saranno i fatti a dimostrare la verità molto più delle mie parole”. L’obiettivo entro fine anno è quello di arrivare a circa 600 addetti contro i 500 attualmente impiegati. “Spero che i nuovi arrivi facciano la differenza. Non tanto sulla macchina di quest’anno ma su quella del prossimo”, ha aggiunto il responsabile della scuderia Renault di F1.

    F1: James Allison nel mirino della Renault

    Uno dei nomi più caldi per approdare ad Enstone è quello del già citato James Allison. L’ex direttore tecnico della Ferrari vede come gradita la destinazione sia perché già conosce la struttura avendoci lavorato sotto il nome di Lotus, sia perché si trova vicino a quel che resta della sua famiglia dopo la prematura e improvvisa scomparsa della moglie avvenuta quest’anno. Intervistato sul possibile accordo, Abiteboul ha dichiarato:”Nutriamo grande rispetto per James. E’ una persona fantastica che sa creare ottime monoposto di F1 e che, inoltre, conosce molto bene l’ambiente di Enstone. Lo stiamo tenendo in grande considerazione”.