F1 News, Schumahcer: privacy difesa all’estremo, porte chiuse anche ad amici

F1 News, Schumahcer: privacy difesa all’estremo, porte chiuse anche ad amici
da in Formula 1 2017, Michael Schumacher, News F1
Ultimo aggiornamento: Mercoledì 30/12/2015 08:04

    F1 News, Schumahcer: privacy difesa all'estremo, porte chiuse anche ad amici

    Sono passati due anni dall’incidente sulle nevi di Meribel che ha cambiato drammaticamente per sempre la vita di Michael Schumacher. Su di lui si hanno pochissime notizie, nessuna delle quali confermata dalla famiglia che sta facendo di tutto per tutelare la propria privacy. In questi mesi è successo tanto. Sono persino state rubate delle cartelle cliniche dall’ospedale che lo aveva in cura e, una volta beccato dalla polizia, il responsabile si è suicidato in carcere. Sono stati avvistati numerosi paparazzi usare dei droni per scrutare la villa del Kaiser da vicino, tanto da costringere la famiglia a dipingere le finestre con una speciale vernice che impedisca la visione dall’esterno. Ora l’avvocato che tutela gli interessi della moglie e dei figli chiede ancora a gran voce di rispettare la privacy sottolineando che non c’è alcun obbligo di divulgare informazioni sulla salute di Michael.

    L’ultimo a lamentarsi dell’atteggiamento di Corinna e della manager/portavoce Sabine Kehm è il compagno di tante avventure Willi Weber. Manager di Schumi dal 1988 fino al 2010, ha pubblicato un post sul suo profilo Facebook nel quale attacca la famiglia dell’amico:“Corinna mi impedisce ogni contatto con Michael. Ho provato tante volte a chiedere il permesso per fare una visita ma non ci sono mai riuscito”.

    Evidentemente, possiamo ipotizzare, anche Willi Weber rientra tra coloro i quali non sono ritenuti abbastanza affidabili nel riuscire a mantenere segrete le reali condizioni di salute di Michael Schumacher. L’unica notizia certa in tutta questa vicenda è che la famiglia non vuole far diventare Schumi una bandiera della lotta e/o della sofferenza come, invece, hanno scelto altri sfortunati personaggi pubblici. La famiglia vuole semplicemente vivere il proprio dramma in pace. E come tale va rispettata. A ribadirlo è il loro avvocato Felix Damm:“Parlare dell’incidente fa parte della cronaca ma la famiglia non ha nessun obbligo di informare pubblicamente delle condizioni di salute del proprio caro. Capisco l’interesse a livello mondiale ma esiste anche un diritto fondamentale che è quello del rispetto della privacy. Aggiungere qualunque altra cosa a queste parole significherebbe solo far aumentare il numero delle domande”, ha dichiarato.

    Intervistato da La Gazzetta dello Sport, Luca Cordero Di Montezemolo ha voluto mandare a distanza un saluto a Michael Schumacher, compagno di tanti successi sportivi:“Ripensare a quella tragedia mi provoca profonda tristezza. Sono vicino alla moglie Corinna, ai figli Mick e Gina Maria”. L’ex presidente della Ferrari non fa polemica per l’atteggiamento della moglie. Ha già deciso che la chiamerà il prossimo 3 gennaio in occasione del compleanno:“Telefonerò a Corinna, credo ancora in un miracolo e conservo nella mia mente i ricordi dei trionfi colti insieme. Il primo è quello del titolo in Giappone nel 2000. Il secondo risale all’ottobre del 2006 quando vidi a Monza Michael scendere in pista per l’ultima volta a bordo di una Ferrari. Fu davvero commuovente“, ha spiegato.

    636

    PIÙ POPOLARI