F1 News: team contro il ritorno dei rifornimenti e Pirelli contro gomme libere

Le nuove regole nate dallo Strategy Group già incontrano delle pesanti critiche

da , il

    Due delle principali novità regolamentari della Formula 1 che verrà dal 2017 in poi rappresentano il ritorno dei rifornimenti in gara e la libertà di scegliere la mescola di gomma che ciascun team vuole utilizzare per disputare qualifiche e gara. Entrambe queste soluzioni, però, non convincono i protagonisti. E meno male che la GPDA ha indetto un sondaggio dedicato ai tifosi per conoscere qual è la F1 che piace di più al pubblico… forse solo così si troverà qualche soluzione in grado di mettere quanta più gente d’accordo?

    Horner: “I rifornimento danno gare noiose e scontate”

    Il primo a parlare è Christian Horner:“Non sono d’accordo con questa proposta. Abbiamo tolto i rifornimenti perché c’era una ragione chiara: non rendevano le gare interessanti. Nello Strategy Group ci sono tanti che sono arrivati da troppo poco e non hanno vissuto la Formula 1 così a lungo da ricordarsi che le gare con i rifornimenti non erano così emozionanti in quanto, cronometrando la durata del pit-stop, si poteva subito sapere se un pilota sarebbe andato lungo o corto nello stint successivo. Penso che il dibattito sia sempre aperto“, ha affermato a Sky il team principal della Red Bull.

    Kaltenborn:”Regola in contrasto con logica FIA”

    Abbiamo tolto poco tempo fa i rifornimenti sia per questioni di costo che di sicurezza e, siccome nel comunicato FIA si parla ancora di impegno per ridurre le spese, mi chiedo dove sia la coerenza”, ha dichiarato Monisha Kaltenborn ad Autosport. “Inoltre - ha aggiunto la team principal della Sauber - la FIA si sta impegnando per la sicurezza stradale e non capisco perché supporti un’iniziativa che aumenta i pericoli. Quanto allo spettacolo, sarà davvero migliore?”

    Pirelli contro libertà di gomma per i team

    Anche la possibilità per ciascun team di scegliersi la mescola di gomma preferita in ogni weekend di gara è una regola che non piace a qualcuno. E se a criticarla è proprio il fornitore di pneumatici, allora vale la pena ascoltare cosa ha da dire:“Temiamo che alcune squadre che non hanno nulla da perdere possano puntare su strategie ultra-aggressive che finiscano con il mettere in cattiva luce il nostro brand qualora le cose non vadano bene”, ha spiegato Paul Hembery. “Stiamo cercando un compromesso ed abbiamo fatto una nostra proposta alla FIA – ha aggiunto il responsabile Pirelli - l’obiettivo è dare più scelta alle squadre ma con meno rischi. Al momento non possiamo dire di più in quanto la vicenda è abbastanza complessa”.