F1 News: Vettel in Ferrari, ma senza Schumi

Notizie Formula 1, brevissime dal paddock

da , il

    Notizie Formula 1, brevissime dal paddock. Fernando Alonso è illeso dopo essere stato protagonista con la famiglia di un piccolo incidente aereo. Sebastian Vettel conferma la sua volontà di arrivare in Ferrari ma spera di non dover chiedere raccomandazioni a nessuno, neanche a Michael Schumacher. La Ferrari conferma che dal prossimo anno sarà riproposto il discusso semaforo durante i pit-stop.

    INCIDENTE AEREO. Fernando Alonso, assieme alla moglie Raquel del Rosario e ad una lunga lista di parenti ed amici si trovava in Kenya, a Malindi per la precisione, nella celebre casa dei Vip di Flavio Briatore. Al ritorno, il Jet privato ha urtato contro un edificio. Nessun dramma, però, il velivolo era appena in fase di manovra e tutti i passeggeri sono rimasti illesi.

    L’EREDE. “Non sono l’erede di nessuno. Stimo Schumacher ma io sono solo Sebastian Vettel”. Il pilota tedesco ripete questo concetto da mesi e mesi. E’ innegabile, però, che in Germania tutti ripongano in lui le speranze di sentire ancora l’inno sul gradino più alto del podio. Se poi si dovesse ricreare il binomio italo-tedesco più vincente di tutti i tempi: meglio ancora. Non a caso, è proprio quando si tira fuori il nome Ferrari che il giovane fenomeno di casa Red Bull cambia atteggiamento. “E’ sempre stato il mio obiettivo correre per la Ferrari - ammette Vettel che poi precisa – la continuita’ e’ importante ed e’ per questo che sono alla Red Bull”. Il tedeschino ha le idee chiare:“Puoi diventare campione solo con una delle migliori vetture. E la Ferrari sa come costruirle”. Come si sarebbe detto in altri tempi, con queste premesse, il matrimonio s’ha da fare:“Non so se Schumacher mi raccomandera’ ai vertici ma spero di fare da solo la mia fortuna”.

    SEMAFORO VERDE. La Ferrari rende noto che a partire dalla prossima stagione sarà reintrodotto il semaforo in pitlane a sostituzione del classico lollipop. L’avvicendamento tra il nuovo ed il vecchio sistema era stato deciso a seguito del clamoroso errore di Singapore quando Felipe Massa partì dalla sua piazzola con luce verde ma con ancora il bocchettone del rifornimento attaccato alla vettura. In quell’occasione, però, non fu un errore elettronico ma umano in quanto, quando è in pista la safety car, la procedura prevede che sia un addetto al box a comandare l’accensione della luce verde. Un portavoce del Cavallino ha dichiarato:“Possiamo confermare che nei nostri piani vi è il ritorno al semaforo durante le soste ai box. Faremo presto dei test con alcune modifiche e vedremo che progressi sono stati fatti anche da questo punto di vista”. Baldisserri ha aggiunto:“Abbiamo analizzato gli errori del 2008 e abbiamo migliorato il sistema che d’ora in poi impedirà alla vettura di partire se il tubo della benzina è ancora attaccato al bocchettone”.