F1, nuove regole: Liberty Media cerca accordo con Ferrari

Ferrari attacca Liberty Media sulle nuove regole F1 ma Ross Brawn evita lo scontro puntando sulla diplomazia

da , il

    F1, nuove regole: Liberty Media cerca accordo con Ferrari

    La Ferrari alza un muro contro Liberty Media in tema di nuove regole della Formula 1 ma, dall’altra parte, non trova gente intenzionata a raccogliere le provocazioni o a fare la guerra. E’ passato il tempo dei battibecchi puerili con Bernie Ecclestone e la FIA. Ora la Scuderia italiana ha di fronte un interlocutore solido e con poca voglia di scherza. Un interlocutore che ascolterà con interesse e con pazienza le rimostranze di Sergio Marchionne ma che, siamo certi, al momento decisivo non arretrerà di un centimetro dalle proprie posizioni lasciando la patata bollente proprio in mano della Ferrari. Il dilemma, alla fine, è sempre lo stesso: può esistere una Formula 1 senza Ferrari? Può esistere una Ferrari senza la Formula 1?

    Nuove regole F1: Ferrari contraria ma Ross Brawn cerca accordo

    La Ferrari, ma anche Mercedes e Renault, sono contrarie alla nuova regola sui motori del 2021 poiché un’eccessiva standardizzazione delle componenti renderà le power unit troppo uguali tra loro e banali, togliendo alla Formula 1 la capacità di ricerca e sperimentazione.

    Marchionne non ha atteso molto per minacciare l’addio. Ross Brawn gli ha risposto così:“Sappiamo che la Ferrari è molto importante per la Formula 1 e vogliamo lavorare per non perderla. Forse abbiamo sbagliato il modo in cui abbiamo presentato le nuove regole, forse sono stato poco diplomatico. Inoltre, riconosco l’importanza che può avere per la Ferrari riuscire a dire che il proprio motore è fatto a Maranello”.

    Il capo del settore sportivo di Liberty Media chiede anche a Marchionne un appuntamento per discutere meglio della questione:“Vogliamo accontentare Sergio, vogliamo capire quali tecnologie secondo lui possono passare alle vetture di serie partendo dalla F1. Quindi ci incontreremo per parlarne purché si parta dal presupposto che le attuali power unit sono troppo costose e usciranno di scena dopo il 2020″. Secondo Brawn, se non cambieranno regole sui motori non si vedranno nuovi soggetti entranti e si rischierà di perdere alcuni dei presenti.

    Hamilton contrario alle nuove regole F1

    La Ferrari trova un inatteso alleato nel criticare l’operato di Liberty Media per quel che concerne le nuove regole di F1. Si tratta di Lewis Hamilton. Il 4 volte campione del mondo se la prende con la norma che, già dalla stagione 2018 di F1, obbligherà i team a completare l’intera stagione con sole 3 power unit:“In Brasile ho sostituito il motore ed essendo a fine stagione ho potuto spingere a fondo senza dovermi preoccupare di farlo durare anche per le prossime gare. E’ stata una gran bella sensazione correre senza pensieri. Quindi, non credo che sarà bello dover fare la prossima stagione avendo a disposizione solo 3 power unit. Non mi piace poi l’idea di avere macchine pesanti e motori tutti uguali come in Nascar. Il prossimo anno sarà come guidare un autobus! Spero che qualcuno tenga conto di questa situazione”, ha fatto notare Hamilton.