F1, parla Vettel: indagine sulla foratura di Abu Dhabi

Formula 1: indagine in corso tra Pirelli e Red Bull per capire le cause della strana foratura subita da Vettel nel GP di Abu Dhabi

da , il

    vettel foratura abu dhabi red bull

    La foratura che ha messo fuori gioco Sebastian Vettel dal Gran Premio di Abu Dhabi di Formula 1 2011 ha del misterioso. La Pirelli fa sapere che saranno fatte delle indagini per capire meglio l’accaduto. Il team Red Bull ed il pilota tedesco escludono che la causa possa essere la toccata con un cordolo:“Non ho fatto niente di diverso da quello che fanno tutti i piloti in qualsiasi giro della pista”. Qualcuno deve ricordarsi, però, che proprio Vettel subì delle stranissime forature anche un anno fa in occasione del primo test della F1 con gli pneumatici Pirelli. Proprio ad Abu Dhabi. Sono solo coincidenze?

    SEBASTIAN VETTEL. Alla fine Sebastian Vettel ha incontrato i giornalisti. Il tedesco ha raccontato di non essersi accorto di nulla al momento della foratura se non quando ha affrontato la curva successiva e la monoposto ha perso completamente aderenza:“Ero contento della mia partenza e la macchina sembrava andar bene. Non si può dire quanto sarei andato veloce in gara ma il passo era buono e posso pensare che la macchina fosse in forma. Anche se Lewis e Fernando sono andati forte, avremmo avuto la nostra opportunità”, ha ipotizzato Vettel. Il campione della Red Bull vuole scoprire le cause dell’accaduto:“Non ho fatto niente di strano alla prima curva per cui dobbiamo capire cosa è esattamente successo e cosa ha causato la foratura”.

    PIRELLI F1. Una mano tesa al campione del mondo arriva dalla Pirelli. Il responsabile Motorsport Paul Hembery ha dichiarato:“Assieme alla Red Bull, stiamo ancora analizzando ciò che resta dello pneumatico di Sebastian Vettel per cercare di capire cosa è successo. Sembra trattarsi di un incidente davvero insolito. Non sembra emergere alcuna causa immediatamente evidente, tanto più che il set di pneumatici era già stato utilizzato in qualifica”.