F1, Piquet Jr. chiede scusa e si dà ai camion

Formula 1: Nelson Piquet abbandona definitivamente la Formula 1 e fa sapere che si dedicherà al 100% alla Nascar americana partendo dalla categoria più bassa (quella dei camion!)

da , il

    nelson piquet nascar

    Sarò franco: Nelson Piquet Jr. è un pilota che merita ironie. Persino sarcasmi. In Formula 1 ha fallito ben prima dello scandalo crashgate di cui è responsabile almeno tanto quanto i mandanti Briatore e Symonds (chi c’era dentro la macchina? Chi ha accettato il compromesso del rinnovo contrattuale a seguito della truffa?). Non solo: Nelsinho Piquet è quello che, una volta entrato in orbita Renault grazie anche (non solo, ovviamente) all’amicizia tra il padre Nelson Sr. e lo stesso Flavio Briatore, ha iniziato a spalare letame contro i piloti titolari di allora al fine di screditarli e scippargli il posto!

    NELSON PIQUET JR.. E’ arrivato in Formula 1 con un alone di arroganza unico. Questo era Nelsinho Piquet. In una stagione e mezzo disputata ha dimostrato di valere pochissimo sia dal punto di vista sportivo che umano ed ha imparato ad abbassare la cresta. Questo è Nelsinho Piquet oggi. Chiede scusa e riparte da zero:“Ho fatto un errore, non ero maturo, chiedo scusa. Succede a molti giovani che raggiungono una posizione importante nello sport mondiale e non sono preparati - ha detto ai media brasiliani presentando la sua nuova avventura nella Nascar americana – Sto ricominciando la mia carriera, sto avendo una seconda opportunità, e credo di meritarla. Ho già dimostrato a tutti di essere in grado di vincere”.

    NASCAR. Obiettivo ambizioso del figlio di un tre volte campione del mondo di Formula 1 è, fallita l’avventura con le monoposto più veloci del mondo, diventare campione della serie americana più seguita e amata: la Nascar. Per raggiungere lo scopo ha deciso di partire dal basso, dalla Truck Series, quella già conosciuta nel corso del 2010:“Voglio essere uno dei primi brasiliani a disputare la stagione per intero, e il primo campione brasiliano – ha affermato - I nostri piano è quello di essere nella categoria regine entro cinque o sei anni. Non sappiamo quanto tempo ci vorrà. Potrebbe volercene un po’ di più o un po’ di meno. Sicuramente non voglio arrivarci impreparato a lottare per il titolo”, ha aggiunto il 25enne.