F1, Pirelli: nuovi colori per le mescole nel 2012

Formula 1: la Pirelli è molto soddisfatta del lavoro svolto per la stagione 2011 di Formula 1 ma fa sapere di voler migliorare la riconoscibilità dei propri pneumatici modificandone i colori

da , il

    pirelli pneumatici formula 1 2011 mescole

    Pirelli grande protagonista, determinante ma al tempo stesso discreta, del mondiale 2011 di Formula 1. Gli applausi arrivano da più parti per il fornitore italiano. Una piccola grande critica, però, va fatta. I colori sulle spalle degli pneumatici, in particolari inquadrature televisive, in particolari condizioni di luce o meteorologiche, non consentono un’immediata riconoscibilità del tipo di mescola utilizzata da un certo pilota. Nel corso dei Gran Premi si sono registrate delle evoluzioni ma nulla di veramente convincente.

    PIRELLI F1. Per risolvere il problema delle riconoscibilità degli pneumatici, la Pirelli ha deciso di assegnare un colore diverso ad ogni mescola. La Bridgestone si limitava ad assegnare una striscia colorata, prima sul battistrada, poi sulla spalla del pneumatico, a quello di mescola più morbida. Non c’era molta varietà ma all’interno di ciascun fine settimana di gara era molto facile distinguere quale pilota montasse le prime e quale le option. La Pirelli ha deciso di evolvere questo concetto dando un colore predefinito ad ogni tipo di mescola: dalla super-morbida all’extra-dura passando per quelle intermedie per pioggia leggera fino a quelle da bagnato estremo. Il problema sorge, ad esempio, nel caso in cui le monoposto usino all’interno di uno stesso week-end le mescole medie di color bianco e quelle dure di color argento o le morbide che sono di colore giallo. A tal proposito, il responsabile Pirelli Motorsport, Paul Hembery, ha dichiarato:“Dobbiamo modificare e migliorare i nostri marchi. Dobbiamo usare più colore in modo che si possa riconoscere la gomma anche quando la ruota sta girando. Purtroppo non abbiamo grandi idee. Ci stiamo lavorando. Forse istituiremo un concorso per decidere i colori del prossimo anno”. Senza andare molto lontano, la nostra proposta è quella di ripartire dall’utilizzo del colore fatto dalla Bridgestone. Quanto alle tinte, vanno previste ovviamente non confondibili. Se c’è la gomma Silver, è ovvio che non può esistere quella bianca. Così come, per fare qualche esempio, se si decide di usare il giallo e il rosso, va scartato un colore intermedio come l’arancio.