F1, Raikkonen conferma: tratta per tornare, Renault in pole position

Formula 1: Kimi Raikkonen ammette l'interesse per il ritorno in F1

da , il

    8 mesi fa Kimi Raikkonen rifiutava un ingaggio in Formula 1 per andarsene nei Rally. Qualche settimana fa il biondo parlava di rapporto finito con il Circus iridato. Ora il suo manager conferma che ci sono delle trattative per tornare. Cosa è successo nel frattempo? Semplicemente Raikkonen ha maturato la consapevolezza che si può divertire molto nel Rally ma non c’è il margine per fare un salto di qualità decisivo che lo porti a battagliare alla pari con mostri sacri della disciplina. Gente del calibro di Sebastian Loeb. Meglio, allora, tornare nel suo mondo, dare gas, e incasellare tutto il resto come Hobby!

    KIMI RAIKKONEN. Non voglio più tornare sul sasso lanciato ieri quando ho parlato di un clamoroso ritorno di Kimi Raikkonen in Ferrari al fianco di Fernando Alonso. Mi limito a dire che il pilota spagnolo accetterebbe più volentieri il finlandese dell’amico Robert Kubica il quale, peraltro, sta per essere blindato dai cugini d’oltralpe. Dici Robert Kubica e pensi alla Renault. Pensi alla Renault e dici Kimi Raikkonen! Soprattutto se parli con il manager del campione del mondo 2007. Steve Robertson ha raccontato che il suo assistito sta valutando varie opzioni tra cui quella dei francesi che, al momento, è la più consistente. La Renault può dare a Raikkonen una macchina decente, un ingaggio accettabile benché i soldi siano l’ultimo dei problemi per lui e, soprattutto, la possibilità di proseguire a gareggiare nei Rally esattamente come sta avvenendo con Robert Kubica. “Vogliamo esplorare tutte le possibili opzioni per il prossimo anno – ha detto Robertson alla stampa finlandese – Con Kimi abbiamo chiesto alla Renault quale era la situazione per il prossimo mondiale. Al momento confermo solo i contatti con la Renault ma ci sono tutta una serie di voci che girano senza controllo. Ho anche sentito dire che Kimi potrebbe andare in Nascar, e certamente non è un opzione che consideriamo”. Tra le opzioni al vaglio dell’ex ferrarista, invece, c’è la 24 ore di Le Mans.

    RENAULT. La parte interessante della vicenda è che, stando alle dichiarazioni degli uomini Renault, è stato Raikkonen a proporsi e non viceversa. Segno evidente della sua voglia di F1. A tentare il finlandese è stata la bella prestazione di Kubica nel Gran Premio del Belgio a Spa-Francorchamps. Eric Bouller, team principal dei francesi, ha dichiarato di non avere fretta nel prendere una decisione tra Raikkonen, Petrov o qualcun altro:“Si tratta di scelte strategiche differenti: si lavoro in un modo diverso quando in squadra c’è un rookie rispetto a quando si hanno due piloti esperti. Al momento la priorità è Vitaly e se ci convincerà terremo lui. Questa è la prima opzione. Ma ci sono anche altre opzioni e una di queste è Kimi”.