F1, Raikkonen: Williams conferma l’interesse

Formula 1: Kimi Raikkonen è vicinissimo all'accordo con la Williams

da , il

    kimi raikkonen ritorno williams

    In mezzo ad un mare di indiscrezioni sul ritorno di Kimi Raikkonen in Formula 1 con la Williams, arrivano ben due notizie che riempiranno di aspettative i tanti tifosi dell’ex pilota di Ferrari e McLaren. La scuderia di Grove conferma le trattative per l’ingaggio del campione del mondo 2007 e contemporaneamente Bernie Ecclestone si pronuncia sull’operazione definendosi molto interessato affinché vada in porto. Con l’aggiunta del finlandese, la stagione 2012 vedrà ben 6 campioni del mondo in lotta tra loro. Competitività delle rispettive monoposto permettendo…

    RITORNO RAIKKONEN IN F1. Bernie Ecclestone, sempre informatissimo su argomenti che possano aumentare l’interesse per la sua Formula 1, si dice al corrente delle trattative tra Kimi Raikkonen e la Williams per un clamoroso ritorno nella massima categoria motoristica del campione del mondo 2007:“Sarebbe bello riaverlo”, ha detto il patron del Circus senza aggiungere altri dettagli sulle reali intenzioni del 32enne di Espoo. Siano allegri i tifosi dell’uomo di ghiaccio. Se si muove lo zio Bernie, il segnale è positivo. Ancor più eclatante è che l’amministratore delegato della Williams, Adam Parr, dichiari:“Da quello che possiamo vedere, Raikkonen è veramente intenzionato a tornare. Avere un campione del mondo nella nostra squadra potrà motivare tutti”. Parole pesanti che speriamo non siano analoghe a quelle del team Lotus Renault che 12 mesi fa pare abbia usato il nome del campione finlandese solo per farsi pubblicità agli occhi degli sponsor. Non sarebbe un comportamento serio per un team, quello di Grove, tra i più vincenti e gloriosi della storia della F1.

    WILLIAMS F1 2012. Nella stagione 2012, la Williams vorrebbe schierare Kimi Raikkonen e Pastor Maldonado. L’arrivo dell’ultimo campione del mondo della Ferrari sarà possibile grazie ad alcuni nuovi sponsor provenienti dal Medio Oriente. Con queste nuove risorse, il team spera di fare un salto in avanti anche nelle prestazioni. Intanto, a livello societario cambiano alcuni equilibri. Sono entrati nel Consiglio d’Amministrazione della prima squadra di F1 quotata in borsa Nick Rose e Louise Evans. “Grazie a loro abbiamo un ottimo bilanciamento tra direttori esecutivi e non al fine di garantire agli azionisti alti standard di rendimento”, ha spiegato Parr.