F1, Red Bull: con Volkswagen è cosa seria

Formula 1: la Red Bull è in seria trattative con la Volkswagen per la fornitura di motori a partire dal 2013

da , il

    volkswagen f1 red bull

    Abbiamo sentito parlare nei giorni scorsi del possibile binomio Red BullVolkswagen per la stagione 2013 di F1. L’idea non è campata in aria in quanto la casa automobilistica tedesca è da tempo che strizza l’occhio alla Formula 1 e, con l’avvento dei nuovi motori ecologici del 2013, avrebbe un notevole interesse a buttarsi nella mischia per mostrare al mondo intero le proprie capacità anche nella massima competizione motoristica.

    F1 2013. Il nuovo imperativo della Formula 1 che verso l’era 2013 è di avvicinare la categoria più importante del motorsport alle auto di serie. Con la speranza che questo aiuti anche a risolvere i problemi di sempre, vale a dire mantenere alti i livelli di sicurezza incrementando spettacolo e migliorando l’ecologia, la Federazione sta lavorando a fianco di due vecchie volpi come il direttore tecnico della Williams Patrick Head e l’ex progettista Ferrari Rory Byrne. “Nessuno discute sul ruolo pioneristico nello sviluppo che la Formula 1 riveste, ma non dovremmo prendere una strada diversa dalla produzione di serie. Per questo motivo si parla di reintrodurre il turbo, diminuire i consumi e abbassare le cilindrate”, ha detto Head.

    RED BULL VOLKSWAGEN. Avevamo parlato nelle settimane passate del possibile ingresso del gruppo Volkswagen in F1 con il marchio Porsche o Audi. Poi il progetto è stato accantonato. Resta invece attualissima l’idea di entrare con il brand principale soprattutto da quando la Red Bull ha mostrato la propria disponibilità. “Siamo in attesa di una partnership importante, ma anche l’idea di sviluppare un nostro motore penso non sia così assurda”, ha ammesso il patron del marchio Dietrich Mateschitz che in passato non si è fatto problemi a rompere con la Ferrari per passare alla Renault così come richiesto dal progettista Adrian Newey. “E’ importante mantenere più opzioni aperte. Questo è uno dei punti di forza di Mr. Mateschitz. In questo modo, tutto è possibile”, ha confermato Chris Horner.