F1, Red Bull: possiamo migliorarci ancora!

Formula 1: Adrian Newey mette paura agli avversari

da , il

    Sebastian Vettel,  Adrian Newey

    Adrian Newey e Sebastian Vettel sono una coppia molto pericolosa… per gli avversari! Che la Red Bull resti la macchina da battere anche per la stagione 2012 di Formula 1 sono in pochi a non crederlo. Il rischio (per gli altri), stando a quanto dichiarato dal progettista di Milton Keynes è che il prossimo anno sia una fantastica fotocopia di quello appena concluso. In molti, Ferrari in testa, hanno propositi di rivincita. Nessuno, però, ha il potenziale della Red Bull che, secondo Newey, ha ancora notevoli margini di miglioramento.

    RED BULLNEWEY. La Red Bull RB7 del 2011 passerà alla storia come una delle monoposto più veloci di sempre. Ma Adrian Newey non è sazio ed anticipa che la RB8 del 2012 non è solo una diretta discendente del modello precedente bensì una vettura con ulteriori grandi margini di miglioramento. “Possiamo analizzare le debolezze emerse in questa stagione e provare a migliorarci - ha dichiarato il tecnico britannico – Abbiamo diverse aree della monoposto dove possiamo fare meglio”. Secondo Newey c’è ancora molto da inventare, soprattutto nella zona degli scarichi:“Non dobbiamo dimenticare che sono vietati i soffiaggi perciò dobbiamo trovare carico in altro modo. La sfida per vincere è trovare una soluzione migliore rispetto agli altri”.

    SEBASTIAN VETTEL. Se anche la Red Bull non dovesse sfornare una monoposto superiore alla concorrenza, può comunque sperare nelle doti del suo fresco bi-campione del mondo. Sebastian Vettel resta l’uomo da battere. Non ha dubbi al riguardo l’esperto Niki Lauda:“E’ logico pensare che la Red Bull resti la vettura da battere. Non avranno più gli scarichi soffiati ma questo sarà compensato da una loro aerodinamica sempre migliore - ha ricordato il 3 volte iridato sponsorizzando Vettel come favorito anche per il 2012 – Sebastian è cresciuto molto. Ha più fiducia in sé stesso ed ha imparato a non fare errori. Chi vorrà batterlo dovrà essere perfetto”.