F1, Red Bull: saremo più lenti di mezzo secondo

Formula 1 2011: secondo il consigliere Red Bull Helmut Marko le monoposto di Adrian Newey andranno più lente di mezzo secondo al giro a causa delle nuove regole sui diffusori

da , il

    red bull helmut marko formula 1 2011

    Helmut Marko, consigliere Red Bull ed inventore del progetto giovani piloti che vede in Sebastian Vettel la punta di diamante, ha rilasciato dichiarazioni molto interessanti su ciò che potrà avvenire nel prosieguo della stagione 2011 di Formula 1. Dal prossimo Gran Premio di Gran Bretagna, a causa della nuova regola che vieta il soffio dello scarico sul diffusore in fase di non accelerazione, le monoposto disegnate da Adrian Newey andranno più lente di mezzo secondo al giro. Basterà questo per riaprire il campionato? Ovviamente no.

    RED BULL F1 2011. “Ci aspettiamo di perdere circa mezzo secondo al giro senza il diffusore soffiato”, ha affermato Helmut Marko. Il consigliere Red Bull e grande amico del boss Dietrich Mateschitz ha spiegato che, per ovviare a questo handicap, Adrian Newey sta studiando alcuni aggiornamenti aerodinamici mirati. “Siamo fiduciosi. Resteremo al top con le prestazioni”, ha aggiunto. L’ex pilota di F1 ha, però, contestato la decisione della FIA di cambiare le carte in tavola a partita in corso:“E’ un po’ strano e non completamente comprensibile…”, ha concluso.

    MARK WEBBER. Scopritore e supporter di Sebastian Vettel, Marko può essere definito il nemico numero uno di Mark Webber. Nel 2010 ha rischiato l’infarto al solo pensiero che potesse essere l’australiano il campione del mondo della Red Bull. La sorte ha poi baciato il campione vero, tra i due. Ora il buon Helmut non si ferma ed inferisce sul secondo pilota della scuderia austriaca:“Abbiamo bisogno di un pilota forte come Sebastian perché dal punto di vista economico ci interessa anche il campionato costruttori”. Il responsabile del settore giovani, però, non vede ancora in Alguersuari e Buemi qualcuno capace di ripercorrere le orme di Vettel. Sarà questa l’arma in più Webber per restare ancora in Red Bull? Essere il meno peggio sulla piazza?