F1, Red Bull – Verstappen: 17 anni sono troppo pochi per il debutto nel Circus?

Formula 1: Max Verstappen debutterà con la Toro Rosso a soli 17 anni e nel Circus qualcuno sostiene che sia troppo giovane

da , il

    max verstappen red bull junior team

    Foto: Red Bull

    E’ come dire che la Red Bull con l’ingaggio di Max Verstappen, girato ovviamente alla Toro Rosso, sia tornata alle origini. La scuderia austriaca si era fatta notare nel Circus non tanto per i successi a profusione ma per il carattere sbarazzino e sopra le righe. La linea giovane non era solo nei piloti ma nello stile di vita controcorrente. Portare in Formula 1 un ragazzo che non ha ancora l’età per guidare una normale automobile e che compirà 17 anni tra un mese, è una scommessa proprio nello stile di Dietrich Mateschitz. Visto che l’olandese figlio d’arte aveva già un interessante pre-accordo con la Mercedes, ora è anche chiaro a tutti come abbiano fatto a convincerlo, quelli del beverone, a fare il salto della barricata. Fosse rimasto dietro al colosso di Stoccarda, si sarebbe dovuto sbattere ancora molto nelle serie minori prima di sperare di entrare nel firmamento dell’automobilismo.

    [sondaggio id="447"]

    Voglio ringraziare il Dr. Helmut Marko e la Red Bull per la fiducia che hanno posto in me dandomi l’opportunità di fare il mio debutto in Formula 1 2015 con la Scuderia Toro Rosso. – ha dichiarato Max Verstappen nel comunicato ufficiale che ha sancito il suo ingresso in F1 – Fin da quando avevo sette anni, la Formula 1 è stato il mio obiettivo di carriera, quindi questo è veramente un sogno che si avvera. Ringrazio anche mio padre Jos ed i vari sponsor che hanno creduto in me, il mio manager Raymond Vermeulen e tutte le squadre di karting con le quali ho corso”. Decisamente soddisfatto è apparso anche Franz Tost, boss della Toro Rosso:“E’ bello vedere che il Red Bull Junior Programme continua a scoprire giovani talenti e siamo contenti di dare la possibilità di debuttare in F1 a Max Verstappen che consideriamo uno migliori giovani piloti della nuova generazione. Crediamo abbia la maturità per sostenere questa sfida”. Da notare, a margine, che Max supera si slancio Felix Da Costa e Carlos Sainz Jr. che da oltre un anno prendevano le misure al secondo sedile Toro Rosso dopo essere stati già beffati da Danil Kvyat lo scorso inverno.

    17 anni è l’eta giusta per la F1?

    Il pilota più giovane ad aver corso in Formula 1 è Jaime Alguersuari che, debuttando proprio con la Toro Rosso a 19 anni, 4 mesi e 3 giorni fece allora temere di essere profondamente immaturo. Poi lo spagnolo superò la prova senza problemi prima di finire, al pari di tanti altri bocciati dal severo Helmut Marko, nel dimenticatoio. Per sempre! Ora Max Verstappen si appresta nuovamente a ridefinire certi standard (rispetto ad Alguersuari pare abbia un altro spessore). Con i suoi 17 anni, ci apprestiamo a vedere la F1 entrare in una nuova era. Secondo alcuni al ragazzo manca qualche tappa. Passare dai kart alla Formula 1 può essere decisamente troppo se si pensa che nel mezzo per lui c’è stata solo un po’ di esperienza in Formula 3. La sua storia ricorda un po’ quella di Kimi Raikkonen che destò un certo scalpore quando fece la sua apparizione nel Circus dato che, pur 21enne, quindi vecchissimo rispetto a Max, aveva disputato solo 23 gare “vere” ed in categorie molto lontane dalla F1 come la Formula Renault 2000 inlgese o la Formula Ford. Verstappen ha collezionato ad oggi 27 partenze in 9 weekend del campionato europeo di Formula 3, vincendone otto e occupando il secondo posto in classifica. Rispetto al 2001 quando Raikkonen fece il suo sensazionale debutto, i tempi sono cambiati. Grazie al simulatore e ad un livello di professionalizzazione più elevato, crediamo che difficilmente un pilota si farà trovare impreparato. Soprattutto se questo ragazzo è nato con le corse nel sangue, non tanto per i geni lasciati dal mediocre padre Jos quanto per la sua storia personale. Probabilmente ha imparato prima a guidare un kart che a camminare. Se non ci stiamo sbagliando, crediamo che, un po’ come un certo Valentino, anche Max farà dimenticare in fretta di essere un “figlio di”…