F1, Red Bull: Vettel battuto fa la gioia di Webber

Formula 1 2011: la Red Bull e Sebastian Vettel perdono l'imbattibilità

da , il

    sebastian vettel cina red bull 2011

    Si parla di sconfitta per Sebastian Vettel. A ben vedere il pilota Red Bull in Cina ha comunque ottenuto un bel risultato con il secondo posto. I 18 punti accumulati, come si dice in questi casi, fanno classifica. E come se la fanno! A livello psicologico, però, si interrompe il delirio di onnipotenza che stava pervadendo la mente del pilota tedesco. Il primo ad esultare di ciò, neanche troppo curiosamente, è il compagno di squadra Mark Webber che se la ride sotto i baffi per il pasticcio strategico costato il successo al campione del mondo in carica.

    SEBASTIAN VETTEL. “Probabilmente abbiamo insistito troppo con la strategia a due soste. Lo stint centrale doveva essere piu’ lungo, poi mi sono ritrovato con gomme dure vedendo Lewis avvicinarsi sempre più”. Come già raccontato durante la conferenza stampa di fine gara, Vettel ha ribadito di non aver voluto lottare con Hamilton per non prendere rischi inutili. “Abbiamo imparato molto oggi - ha aggiunto – Sono l’unico con una strategia a due soste sul podio quindi di sicuro c’è qualcosa da analizzare stasera”.

    MARK WEBBER. Non nasconde la soddisfazione per la sconfitta del compagno di box. Mark Webber è ancora gasato per la grande rimonta. “Finalmente qualcuno ci è riuscito - Webber fa i complimenti a Hamiltoncerto Sebastian è il mio compagno di squadra, ma ha avuto una serie fenomenale di vittorie e alla fine siamo tutti qui per vincere. E’ un peccato che abbia vinto la McLaren in un certo senso, ma non possiamo neanche far scappare troppo Seb. E’ stata una bella giornata di gara, penso, una buona giornata per noi in termini di punti per il team”. L’australiano ha ammesso che, senza l’esclusione alla prima manche delle qualifiche, non avrebbe potuto adottare una strategia tanto spettacolare e divertente. “Abbiamo fatto un lavoro fantastico questo weekend, i ragazzi non si sono arresi, è una prestazione che dedico a tutti gli addetti in fabbrica”, ha concluso Webber citando le stesse persone che, invece, sono profondamente dispiaciute per la sconfitta del tedeschino.