F1, Roma dice addio e pensa alle Olimpiadi

Formula 1: Roma abbandona definitivamente il progetto del Gran Premio e dirige, per bocca del Sindaco Gianni Alemanno, tutti i suoi sforzi verso le Olimpiadi del 2020

da , il

    granpremio roma formula 1 alemanno

    Tanto rumore per nulla. Il Gran Premio di Roma di Formula 1 non si farà. Questa fase di discussioni, articoli, commenti ed opinioni passerà alla storia come quella vissuta negli anni ’80. Il dispiegamento di forze in campo e la convinzione con la quale Maurizio Flammini ed il sindaco Gianni Alemanno portavano avanti il progetto aveva fatto credere che le possibilità fossero reali. Più dei comitati cittadini contrari all’iniziativa, però, ha potuto Bernie Ecclestone che affermando di non vedere in Italia due gare in contemporanea, ha di fatto segato le gambe a Roma di fronte all’intoccabile Monza. Per la Capitale adesso resta come obiettivo le Olimpiadi del 2020.

    ROMA F1. Non c’è spazio per due gare di Formula 1 in Italia. A dirlo è il patron del Circus Bernie Ecclestone. Ciò significa che il progetto del Gran Premio di Roma, per attuarsi, deve convincere Monza a cedere ad anni alterni l’ospitalità del GP di Italia. La cosa è ovviamente impossibile. Per queste ragioni Maurizio Flammini, promoter dell’iniziativa e Gianni Alemanno hanno tirato il freno a mano. “Abbiamo sempre mantenuto buoni contatti col sindaco di Monza e con la Regione Lombardia, ma non abbiamo avuto riscontri di alcun tipo. Non c’é stato dialogo. Anche quando abbiamo dichiarato che se non era possibile portare due corse in Italia, ci saremmo subito fatti da parte”, ha confermato il Sindaco.

    OLIMPIADI 2020. Tutti gli sforzi della Capitale in tema di eventi sportivi di risalto mondiale saranno dirottati sulle Olimpiadi del 2020. E’ attesa a breve una conferenza stampa nella quale Gianni Alemanno confermerà il massimo dispiegamento di forze per vincere l’agguerrita concorrenza di altre grandi città nel mondo. Per bocca del primo cittadino, l’obiettivo resta “ambizioso, ma fattibile”. Non solo, il ritorno di immagine avuto dall’ipotesi di portare la F1 per le strade della Città Eterna può essere un ulteriore freccia al proprio arco. Tanto rumore per nulla, dicevamo parlando del GP di Roma, ma non tutti gli sforzi possono essere stati inutili se, in qualche modo, aiuteranno la candidatura per i giochi Olimpici.