F1, Schumacher-Barrichello: anzianotti diversi

Formula 1 2011: Michael Schumacher e Rubens Barrichello a confronto

da , il

    michael schumacher rubens barrichello f1 2011

    Oggi parliamo di Michael Schumacher e Rubens Barrichello. Cosa non hanno in comune i due, è noto a tutti: il primo è passato alla storia come l’uomo dei record. Il più grande di tutti. Il secondo non riuscirà mai a togliersi di dosso l’ingiusta, sottolineo ingiusta, fama di sfigata seconda guida. Quello che li accomuna, altresì, è piuttosto evidente. Al di là del passato in Ferrari, sono loro oggi i due piloti più esperti ed anziani della Formula 1. Bene. Il paradosso è che il campione sembra diventato un corpo estraneo da espellere mentre il Calimero resta un pilota corteggiato ed apprezzato.

    MICHAEL SCHUMACHER. Su Schumacher non si placano le voci di un imminente ritiro. Se il più forte di tutti torna con il chiaro intento di vincere l’ottavo titolo iridato ma si ritrova a lottare ai margini della zona punti con un mezzo non all’altezza dei migliori ed arriva regolarmente dietro al proprio compagno di squadra, è normale che l’opinione pubblica rumoreggi. Molte persone dell’ambiente gli hanno platealmente consigliato di mollare. Tra queste citiamo alcuni dei suoi ex-colleghi come Coulthard, Johnny e Brundle. Il suo manager Sabine Khem, però, ha voluto rassicurare i tifosi:“Michael è un combattente. E non si ritirerà”.

    RUBENS BARRICHELLO. Situazione opposta in casa Barrichello. Dicevamo. Il brasiliano continua ad andare forte in rapporto al potenziale scarso della Williams a sua disposizione. Sono due anni a fila che deve confrontarsi all’interno del box con dei giovani promettenti, campioni in carica della GP2 Series. E gliele suona di santa ragione. Così va a finire che si prende il lusso di criticare aspramente la propria scuderia, minacciando persino di lasciare il team. “Dobbiamo migliorare altrimenti non raggiungeremo un accordo per il prossimo anno. Non ha senso per me continuare in questo modo. Il team deve darsi una scossa”. Evidentemente, a differenza di Schumacher, a lui le proposte non mancano.