F1, Schumacher: Mercedes lo vuole anche dopo il 2012

Formula 1: Michael Schumacher trova ancora molti estimatori in Mercedes ed il capo Norbert Haug propone un suo rinnovo del contratto

da , il

    mercedes gp michael schumacher contratto

    E’ nella seconda metà della sua seconda stagione in Mercedes GP che Michael Schumacher ha fatto finalmente rivedere in modo più convincente il vecchio smalto. Sarà finalmente riuscito a togliersi di dosso la ruggine di tre anni di inattività o siamo solo di fronte ad una sbagliata e condivisa impressione? La risposta ce l’avremo il prossimo anno. Intanto, le critiche contro di lui sono svanite. Le perplessità degli addetti ai lavori, idem. Ed i vertici della scuderia di Stoccarda, gli unici ad averlo difeso sempre e comunque, escono allo scoperto con Norbert Haug dichiarando di voler chiedere al sette volte iridato di restare in Formula 1 anche dopo il 2012.

    MICHAEL SCHUMACHER. Il ritorno alle corse di Michael Schumacher è stato onestamente deludente. Ne abbiamo parlato più volte. Non per denigrarlo. Tutt’altro. Solo chi non crede nelle sue grandi doti può dire si stia comportando in modo soddisfacente. Noi che lo crediamo il più grande di tutti, pensiamo che non sia più quello di prima. Altrimenti non si spiega come mai si debba lamentare di problemi di gomme oppure si trovi col perdere il confronto con il compagno di squadra. E’ ovvio che lo Schumi 2.0 non è lo stesso di prima. Lo Schumacher dei tempi migliori avrebbe massacrato il coinquilino di box e avrebbe portato la problematica Mercedes a qualche impresa sporadica. Se non qualche vittoria. Almeno qualche podio.

    MERCEDES GP. La storia del fenomeno di Kerpen in Formula 1 negli anni 2010 e 2011 è nota. Non per i progressi degli ultimi GP, ma per stima infinita, Norbert Haug della Mercedes annuncia la volontà di prolungare il contratto con Schumacher e dichiara:“Vogliamo crescere e arrivare al primo posto ma questo richiede anni di duro lavoro. Michael è un motivatore che può vincere con la macchina giusta. Anche in Ferrari gli ci sono voluti 5 anni per il primo titolo. Ha la stessa fame di sempre e resta uno dei piloti più forti della F1″.