F1: solo 4 team non hanno problemi economici!

Formula 1: il risultato di una recente analisi sui team di F1 è sconcertante

da , il

    formula 1 team

    La Formula 1 è vicina alla sua fine? La crisi economica continua a colpire duramente i team del Circus e i catastrofisti applaudono all’analisi fatta dai tedeschi di Auto Motor und Sport. Ciò che pubblicano si può tranquillamente definire sconvolgente se non fosse che, in un certo senso, già lo si supponeva. Lo si mormorava. Insomma, lo si sapeva. Solo quattro scuderie non hanno problemi economici. Solo quattro scuderie dispongono di un budget rassicurante per guardare avanti con ottimismo. Tutti gli altri devono lottare non contro gli altri per vincere, ma contro loro stessi per… partecipare!

    BUDGET F1. E’ un problema di budget. Un problema di soldi a disposizione per far fronte a tutte le spese, per certi versi folli, che la massima espressione dell’automobilismo sportivo richiede. Solo Ferrari, McLaren, Red Bull e Mercedes possono guardare al futuro con tranquillità. Gli altri hanno un solo obiettivo: sopravvivere. La scuderia messa peggio è l’HRT che non va oltre i 40 milioni di Euro. La cifra può apparire notevole ma si ridimensiona immediatamente se confrontata con i 330 milioni a disposizione della Red Bull. Messa poco meglio della HRT c’è la Virgin con 60, seguita dalla Lotus (quella malese) con 70. Fa impressione vedere che la storica Williams non va oltre gli 80 milioni così come Force India e Toro Rosso.

    FOTA. Secondo il presidente della Ferrari c’è un sistema per combattere la crisi della F1. Intervenuto al Wrooom di Madonna di Campiglio, Montezemolo ha spiegato che le scuderie devono collaborare e dare ancora fiducia alla loro associazione, la FOTA. “Se le squadre sapranno restare insieme e lavorare in maniera costruttiva come parte di quel triangolo virtuoso formato insieme alla FIA e al detentore dei diritti commerciali allora c’è un futuro per questa organizzazione - ha detto il numero uno di Maranello minimizzando la polemiche su presunti sforamenti di budget da parte della Red Bull – Quando sono stato presidente era un momento diverso, più difficile mentre ora il clima è molto più sereno. Rimane il fatto che la Formula 1 deve rimanere uno sport di vertice, quindi non ci può essere un divario eccessivo fra i team grandi e quelli piccoli in termini di competitività.” Ricordiamo che l’unione di intenti tra i team di F1 ha cominciato ad incrinarsi da quando, alcuni giorni fa, la HRT si è chiamata fuori dall’associazione, lamentandosi del fatto che la FOTA, anziché fare gli interessi di tutti, stava soprattutto lavorando per tutelare i più forti.