F1, Susie Wolff: “Donna pilota? Se guida Vettel, posso farlo anche io”

da , il

    Susie Wolff la sta prendendo sul serio! La moglie del direttore del team Mercedes, Toto Wolff, figura ancora come collaudatore della Williams e mostra di avere importanti ambizioni. Il DTM le va ormai stretto e il prossimo passo della carriera è fissato: ottenere la Superlicenza della FIA per guidare in Formula 1. Poi tenterà di convincere qualcuno, a suon di dollaroni, a credere in lei e darle un sedile da titolare. Dal suo punto di vista, non ci sono ragioni per non prenderla sul serio. “Si sa che le donne hanno meno forza muscolare rispetto agli uomini ma io corro nei kart da sempre ed ho sviluppato forza dove serve. Se poi guardate Sebastian Vettel… è per caso un tipo grosso o muscoloso?”, ha dichiarato nel corso di un’intervista all’Observer.

    Sebastian Vettel: pilota ancora da scoprire

    Mentre Susie Wolff ci invita a vedere Sebastian Vettel sotto una nuova luce, il diretto interessato – intervistato dal Welt am Sonntag – ammette di essere ancora un oggetto non del tutto conosciuto in Formula 1. In particolar modo, riprendendo il celebre caso del mancato rispetto degli ordini di scuderia nel GP di Malesia, il tre volte iridato dichiara:“Prima di quel giorno c’era un’immagine di me che era semplicemente sbagliata. Da allora molti hanno aperto gli occhi”. E hanno capito, aggiungiamo noi, cosa trasformi un ottimo pilota in un vero campione: la fame insaziabile di vittoria!

    Vettel: “Potrei lasciare la Red Bull”

    Ci risiamo. Forse solleticato dai tanti commenti di autorevoli esperti che descrivono Vettel come un pilota che fino ad oggi ha avuto una carriera tutta in discesa grazie allo strapotere tecnico della Red Bull, il biondino scanzonato tira di nuovo fuori l’idea di andare a cercare nuovi stimoli altrove. Prima o poi:“Chissà… tra 5 anni potrei anche decidere che è già arrivato il momento di smetterla con le corse. O forse sarò in una nuova squadra per cercare nuove sfide. In Red Bull mi trovo bene per il gruppo e per la forza della macchina. Ma ognuno di noi si evolve e con il passare del tempo cambiano le priorità”, ha ammesso. Vettel ha anche commentato il possibile arrivo di Kimi Raikkonen come compagno di box nel 2014:“Non la vedo una cosa realistica - ha confessato – Io mi trovo bene con lui. Ci vediamo ai gran premi e andiamo d’accordo perché siamo persone semplici e oneste. Ma non ci saranno mai veri amici in Formula 1“.