F1 Tv 2010: niente prove libere in RAI

Prove libere di Formula 1 in TV non saranno trasmesse dalla RAI neanche nella stagione 2010

da , il

    Dobbiamo parlare di dietrofront della RAI o di grande equivoco? Abbiamo riportato pochi giorni fa la notizia che, a seguito della dipartita della Tv satellitare a pagamento SKY nella trasmissione della Formula 1 in Tv, la televisione di Stato che già detiene i diritti per qualifiche e gare di F1 e GP2, si sarebbe fatta carico di allargare la propria offerta tramite il canale digitale terrestre gratuito Rai Sport Più anche alle prove libere. Adesso salta fuori che non sarà così. L’unica cosa che ci sarà in più in questo 2010 è la diretta della gara 1 della GP2 Series. Che delusione!

    PROVE LIBERE F1. La RAI non trasmetterà le prove libere. Almeno per il momento. Crediamo e speriamo che la pressione del pubblico delle corse riesca a far cambiare idea ai vertici di Viale Mazzini. Se volete dire la vostra opinione alla Tv di Stato, potete andare a questo indirizzo dedicato. Grazie al canale digitale terrestre gratuito, era stato inizialmente fatto intendere che si sarebbe allargata l’offerta del pacchetto Formula 1 a tutti gli eventi rimasti “nascosti” fino al 2009. Invece no. Andando a vedere sul sito che vende gli spazi pubblicitari, scopriamo che sono previsti solo nelle qualifiche del sabato e nella gara della domenica. Da qui ne deriva la logica deduzione che le prove libere del venerdì e del sabato mattina saranno ancora pane solo per chi abita fuori dai confini italiani.

    F1 TV 2010. A parte questo disguido, sono confermate le altre novità. Ci saranno più collegamenti dalla pista mentre lo studio di Milano avrà meno invadenza. Meno ospiti, meno moviola, meno noiosissimi replay senza troppo senso e più azione. Gli inviati RAI saranno ancor più scatenati e si gireranno da cima a fondo paddock, pit lane e griglia di partenza per portare ai loro microfoni i vari protagonisti del mondiale 2010 di Formula 1. Ricordiamo che, per contratto, tutti i piloti sono tenuti a sottoporsi alle domande dei giornalisti nel dopo-gara. L’antipatica tendenza di qualcuno di rinchiudersi nel camion del team o di passeggiare nel paddock ancora con il casco in testa per non dare confidenza, è stata sconfitta. Tornando alle prove libere, come altri hanno già detto, fatto 30 la RAI poteva fare 31. Le immagini ci sono, gli inviati pure: ad un costo aggiuntivo minimo avrebbero potuto far finalmente felici alcuni dei loro tanto cari abbonati…