F1, Vettel: “Nuova Ferrari F1 2018 vincente grazie alla continuità”

Vettel vede una nuova Ferrari con grandi prospettive nella stagione di Formula 1 2018

da , il

    F1, Vettel: “Nuova Ferrari F1 2018 vincente grazie alla continuità”

    La nuova Ferrari di F1 2018 vuole nascere sotto una buona stella. Sebastian Vettel, in occasione del pranzo di Natale che si è tenuto a Maranello, ha ribadito i concetti espressi già da Sergio Marchionne prospettando una Ferrari ancor più protagonista nella stagione di Formula 1 2018. Il titolo sfiorato nel 2017, infatti, ha dimostrato che la scuderia italiana deve compiere un altro step in avanti per battagliare con la Mercedes. Il segreto per riuscirci, stavolta, non è l’ennesima rivoluzione tecnica ma il suo contrario:“Non ci saranno cambiamenti nei regolamenti per cui abbiamo una buona base da cui ripartire per fare il passo finale”, ha spiegato Sebastian Vettel.

    Vettel crede in una Ferrari F1 2018 vincente

    “Abbiamo iniziato già da due mesi a lavorare sulla nuova monoposto per farla diventare più veloce”, ha aggiunto Vettel ricordando che la Ferrari, perso il titolo di F1 2017, ha portato nelle ultime gare del calendario pezzi nuovi in previsione della nuova F1 del 2018. “Avremmo potuto fare meglio in alcune gare, me compreso. In altre, però, siamo andati sopra le aspettative. Penso che tutto questo faccia parte del gioco ma è importante ora lavorare sui nostri punti di debolezza e su quelli di forza”, ha concluso il pilota tedesco.

    Ferrari: la verità sul licenziamento del motorista Sassi

    Ha fatto scalpore qualche mese fa la notizia del licenziamento del capo dei motoristi Lorenzo Sassi. Marchionne ha rotto il silenzio in merito facendo piena luce. Il tecnico ex Ferrari ha pagato uno sviluppo troppo audace della power unit che ha dato eccessivi problemi di affidabilità. Dopodiché, non ha accettato di essere spostato dal reparto F1 a quello GT:“L’affidabilità ci è costata troppo in termini di punti e performance e abbiamo deciso di cambiare alcuni ruoli nel team. Sassi era troppo affascinato dalla Formula 1 per voler tornare nel GT e credo che a breve lo vedremo nei panni di un altro team. Al suo posto sarà preso Corrado Iott”. La nuova veste di Sassi a cui fa riferimento Marchionne pare sia quella della Mercedes. Così, anche lui seguirà il destino di gente come Aldo Costa e James Allison.