F1: Vettel ora deve superare l’esame Alonso

Formula 1: secondo l'ex pilota David Coulthard, a Vettel adesso manca solo di battere Alonso con una macchina di pari livello per essere definitivamente consacrato tra i più grandi di sempre

da , il

    sebastian vettel fernando alonso

    Sebastian Vettel è fortissimo. Ma per avere la consacrazione finale deve vincere un titolo mondiale lottando ad armi pari con Fernando Alonso. A pensarla così è David Coulthard. L’ex pilota Red Bull non vuole sminuire le doti del più giovane bi-campione del mondo di Formula 1 di sempre (record tolto proprio ad Alonso), piuttosto vuole fare un ragionamento molto razionale. E difficilmente non condivisibile. Il pilota della Ferrari, per talento, successi ed esperienza accumulata, rappresenta l’avversario ideale per zittire gli ultimi scettici rimasti.

    SEBASTIAN VETTEL. Lo abbiamo detto più volte nelle settimane passate. Il destino di chi vince guidando la macchina più veloce del campionato è quello di trascinarsi dietro una più o meno lunga fila di scettici che non vogliono riconoscergli grossi meriti. Non fa eccezione Sebastian Vettel. David Coulthard, commentatore della tv britannica, ha la soluzione. Date una macchina competitiva a Fernando Alonso e poi vediamo come va a finire:“Ha vinto due titoli con Schumacher in ottima forma – ha ricordato lo scozzese – Poi non ha più avuto una macchina competitiva ma, quando arriverà, sarà difficile da battere. In Formula 1 c’è bisogno di riferimenti per dare giudizi. Webber è bravo ma Vettel fugherebbe ogni dubbio se si confrontasse alla pari con un altro pilota di vertice come Fernando”.

    RED BULL 2012. In pochi credono che lo scontro del decennio tra Alonso e Vettel possa andare in scena nel 2012. La Red Bull ha più di un asso nella manica da giocarsi per restare la monoposto più veloce del mondo. A tal proposito, Adrian Newey, fa sapere che terrà nascoste le proprie carte il più a lungo possibile per non dare vantaggi alla concorrenza. “Il nostro lavoro è interamente dedicato alla monoposto del prossimo anno. Qualche novità potrebbe anche essere applicata sulla macchina attuale ma vogliamo stare cauti per non fornire indicazioni ai nostri competitor”.