F1: Vitantonio Liuzzi sogna la McLaren

Vitantonio Liuzzi ha dichiarato che il suo sogno è quello di guidare, prima o poi, una McLaren

da , il

    Una notizia che coglie un pò di sorpresa gli appassionati di Formula 1 ed in particolare i fans di Vitantonio Liuzzi. L’italiano, attualmente in forza alla Force India, ha dichiarato che sogna un giorno di poter approdare alla McLaren, i cui propulsori Mercedes spingono la sua monoposto.

    Fa un certo effetto vedere un pilota che difende la nostra bandiera nella massima competizione motoristica (l’unico che sta ottenendo risultati di rilievo, date le difficoltà di Jarno Trulli con la sua Lotus) abbia come obiettivo far parte del team che è stato per anni ed è tuttora il più acerrimo rivale della Ferrari.

    Eppure è proprio così: se da una parte abbiamo Sebastian Vettel che, nonostante la sua nazionalità tedesca, vuole sedersi al più presto su una monoposto di Maranello, dall’altra abbiamo un rappresentante del Bel Paese desideroso di essere al volante della vettura anglo-tedesca, ora guidata da Lewis Hamilton e Jenson Button e sulla quale hanno trionfato grandi campioni del passato quali l’indimenticabile Ayrton Senna, Alain Prost e Mika Hakkinen.

    Tutto va bene alla Force India, ho un accordo con il team per tutta la stagione 2011. Il mio sogno e il mio obiettivo è quello di guidare per la McLaren, da sempre la mia squadra preferita” ha detto Liuzzi, soffermandosi poi sulla stagione in corso e sui progressi fatti registrare dalla scuderia indiana, al punto che si è mostrato ottimista sulle possibilità che riesca a sorpassare la Renault nel Mondiale costruttori:

    Guardando al budget a disposizione abbiamo fatto un ottimo lavoro. Siamo ottimisti perché coloro che spendono di più devono imparare a gestire meno soldi. A Montreal avevamo mezzo secondo di vantaggio. Vogliamo mantenere questo livello e siamo pronti a sfruttare ogni occasione al bisogno. Il nostro obiettivo è quello di superare la Renault nel campionato costruttori“.

    Ricordiamo che Liuzzi è tornato quest’anno in pianta stabile nel Mondiale dopo aver preso il posto di Giancarlo Fisichella dalla gara di Monza 2009 ed essere cresciuto nel vivaio Red Bull, con la quale ha corso 4 gare nel 2005 prima di essere parcheggiato per due stagioni alla Toro Rosso.

    Finora ha ottenuto 12 punti iridati contro i 23 del suo compagno Adrian Sutil.