F1, Webber: molti team rivali mi hanno cercato

Formula 1: Mark Webber dichiara di aver ricevuto molti contatti da altri team prima di firmare il rinnovo con la Red Bull

da , il

    mark webber red bull contratto2012

    Quel Mark Webber che perde nettamente il confronto interno in Red Bull con Sebastian Vettel ed al quale viene rinnovato il contratto per un solo anno, racconta di aver trovato – prima di firmare con la scuderia austriaca anche per il 2012 - molto interesse nei suoi confronti da parte di altri team. Persino tra quelli di prima fascia. Webber sa che l’anno venturo sarà l’ultimo in Red Bull. Ci sono molti giovani piloti del vivaio Toro Rosso che scalpitano. Al tempo stesso, però, l’australiano non si sente ancora da buttare.

    MARK WEBBER. Da alcuni mesi Mark Webber ha firmato il prolungamento del contratto con la Red Bull fino al termine della stagione 2012. Dopodiché, è molto probabile debba trovarsi un’altra sistemazione. Secondo alcuni, la fine della collaborazione con la scuderia di Milton Keynes decreterà anche il termine della sua avventura in Formula 1. In realtà, Webber fa sapere di aver trovato molti estimatori:“E’ stato fantastico quest’anno è sta to il numero di contatti avuti dagli altri team rivali prima del rinnovo con la Red Bull. Questo mi ha ricordato che le cose stavano andando comunque bene”. Quanto alla sua collocazione nel 2013, l’australiano prende tempo:“Ci vorranno almeno sei mesi per capire…”

    TORO ROSSO. Chi scalpita per occupare il posto di Webber in Red Bull a partire dal 2013 sono i giovani attualmente ingaggiati dalla Toro Rosso. Alguersuari e Buemi se le stanno dando di santa ragione pur di emergere ed approdare nella scuderia più forte del momento. Devono, però, guardarsi anche le spalle. Il loro sedile del 2012 non è sicuro: a minacciarlo ci sono il francese Jean-Eric Vergne e il pilota prestato alla HRT Daniel Ricciardo. “La decisione sarà presa a dicembre - ha dichiarato il team principal Franz Tostci sono quattro piloti in lizza. Alla Red Bull piace molto Vergne per la sua padronanza del mezzo”.