Federica Balestrieri, tanta voglia di lei…

foto gallery di federica balestrieri e intervista per conoscere meglio la conduttrice più amata dagli appassionati di formula 1

da , il

    A qualcuno potrà sembrare assurdo. Per qualcun’altro sarà assolutamente normale. Comunque la pensiate e quanto poco o tanto ve ne freghi, sappiate che Federica Balestrieri, nata a Brescia il 22 Luglio 1969 e sposata con procuratore Fabio Parisi, è uno dei personaggi femminili più cliccati della rete.

    In molti cercano informazioni su di lei, altri cercano foto, alcuni addirittura interrogano Google per sapere se ci sono foto sexy che la vedono protagonista.

    E siccome la brava Federica Balestrieri è già da qualche anno il volto della Formula 1 italiana, abbiamo pensato di conoscerla meglio riportando una sua intervista e proponendo una foto gallery. Avvertiamo, però, subito i più affezionati: le foto sono tutt’altro che sexy, scollature generose a parte.

    Dopo l’inevitabile gavetta nel mondo del giornalismo, approda alla RAI dove si occupa non solo di motori ma anche di calcio per Dribbling e la Domenica Sportiva. Con l’entrata nel mondo della Formula 1, da inviata durante i Gran Premi a presentatrice e volto femminile della RAI per gli sport a 4 ruote, il passo è stato veramente breve.

    Al riguardo delle sue orgini, la Balestrieri fa sapere che “Tra calcio e Formula 1 preferisco quest’ultima, senza dubbio. Ho seguito il calcio ma solo per dovere e non per passione. E’ molto meglio l’ambiente delle corse rispetto a quello del pallone che risulta molto più disorganizzato. Devo precisare, poi, che ho seguito da sempre il mondo dei motori. Sin da quando lavoravo per il Giornale di Brescia. Lavorare in questo mondo è sempre stato il mio sogno”. “Anche se lavoro principalmente dallo studio - ha proseguito la conduttrice di Pole position – mi piace seguire dal vivo le corse e partecipare ai test. Ho anche un buon rapporto con i piloti, in particolare con Giancarlo Fisichella, Jarno Trulli e Felipe Massa e nutro molta simpatia per il figlio di Keke Rosberg, Nico, e pure Jean Alesi era un mito!”

    Quando, poi, le viene chiesto come ci si sente ad essere una prima donna in un mondo molto maschilista come quello dei motori, sembra che abbia le idee molto chiare al riguardo:“Sì la Formula 1 è un ambiente particolarmente maschilista, e non aiuta che ancora oggi ci siano donne che pur di arrivare si prestano a comportamenti non professionali. Alla fine la loro immagine esce di più di quella di chi lavora con serietà e preparazione. Sono un cancro per la categoria delle donne in generale, non solo in Formula 1. Oltretutto noi donne abbiamo un handicap in più rispetto agli uomini: quante donne oltre i quarant’anni, brutte, grasse, magari con pochi capelli o con i capelli grigi vedi in video? Nessuna. Quanti uomini? Una marea. Non serve fare nomi. Ma sono bravi, si dirà. Certo, ma alle donne essere brave non basta. Agli uomini sì”.

    Insomma, Federica è bella e brava. Almeno stando al successo che raccoglie tra gli spettatori della RAI. Ai suoi ammiratori, perciò, farà piacere sapere che la Balestrieri è anche… buona:“Con mio marito abbiamo trascorso due settimane nel Sud del Sudan. Facciamo parte di un’associazione di Brescia, Cesar, che aiuta un vescovo italiano che ha tredici missioni laggiù. Cerchiamo di raccogliere fondi per scuole e ospedali. Ho raggiunto nello sport tutti gli obiettivi che mi ero prefissata e presto farò presto un passo indietro per dedicarmi alla mia famiglia e al volontariato. Nella vita c’è anche dell’altro!”