Felipe Massa: da cieco a campione del mondo?

Felipe Massa torna a parlare dell'incidente del GP di Ungheria ed ammette che ha rischiato di diventare cieco o addirittura scemo

da , il

    Felipe Massa ripensa all’incidente del GP di Ungheria e, ora che le cose sono state messe definitivamente a posto con esito positivo, trova il modo di scherzarci su:“Potevo restare cieco o scemo. Invece, lotto per il mondiale”, ha dichiarato il vice campione 2008 intervistato da una testata brasiliana. Il pilota Ferrari fa anche sapere di non temere la concorrenza di nessuno tra i tanti campioni del mondo presenti in griglia. Per lui Schumacher, Alonso, Hamilton e Button sono avversari come gli altri. Tutti alla portata.

    INCIDENTE MASSA. “In Ungheria potevo diventare cieco. O scemo. Adesso lotto per il titolo”. Parla così Felipe Massa dell‘incidente che ha segnato la stagione 2009 di Formula 1 e che, chissà, non abbia fatto scattare qualcosa di positivo nel suo approccio alle gare. ”Se la molla mi avesse centrato mezzo centimetro piu’ in basso, avrei perso la vista. Se mi avesse preso un centimetro piu’ su, le cose sarebbero potute andare anche peggio: potevo diventare ‘tonto”’. Il ferrarista si sente un ragazzo molto fortunato e guarda avanti con grandissime motivazioni. Ha risolto il problema fisico alla grande, è diventato padre di famiglia ed è stato brillante protagonista del primo assaggio di stagione 2010 guidando senza problemi la propria Ferrari F10 e ricevendo pubbliche lodi anche dal compagno Fernando Alonso.

    F1 2010. Cosa chiedere di più? Il titolo di campione del mondo di Formula 1 2010, ad esempio. “Con tanti campioni del mondo in pista come Schumacher, Alonso, Hamilton e Button e’ normale aspettarsi che uno di loro vinca di nuovo – ha ammesso il brasiliano non evidenziando alcun complesso di inferiorità – E’ positivo anche restare fuori dall’elenco dei favoriti. L’importante e’ che io mi senta in grado di diventare campione e di lottare con chi ha sette titoli, con chi ne ha due, con chi ne ha uno e con chi non ne ha nessuno”.