Felipe Massa: la Ferrari chiama Schumacher

La Ferrari sta pensando a Michael Schumacher come sostituto di Felipe Massa, infortunato durante le qualifiche del Gran Premio di Ungheria ed in gravi condizioni fisiche

da , il

    La Ferrari chiama, Michael Schumacher non risponde. Per adesso il 7 volte iridato lascia squillare a vuoto. Il dubbio è di quelli tremendi. La tentazione è tanta. Tra smentite e conferme da parte del suo entourage, il tedesco continua a farsi corteggiare da Stefano Domencali e Luca di Montezemolo.

    IL RITORNO DI SCHUMACHER. La situazione è questa. Stefano Domenicali è arci-convinto che nessuno possa fare meglio di Michael Schumacher come sostituto dell’infortunato/sfortunato Felipe Massa. Per il bene della Ferrari e per quello dell’intero sport, nonché della stessa Formula 1. Luca di Montezemolo, super-presidente e mega-tifoso, non sogna altro da due notti. I due sono in pressing sul tedesco, pronti persino a tirar fuori qualche soldo, se fosse quello il caso. Dall’entourage del pilota arrivano mezze conferme e mezze smentite, segno evidente che Schumi ci sta pensando. “Se la Ferrari si rivolge a Michael, lui ci penserà - la mette così Sabine Kehm, storica portavoce del Kaiser che sposta l’attenzione sulle reali intenzioni di Maranello - L’intera questione deve essere considerata dalla Ferrari. In situazioni normali direi che non sarebbe interessato, visto che ha la sua vita e non sente nostalgia. Ma ora la situazione è completamente diversa, anche se siamo nel campo delle ipotesi, e Michael non vuole entrare in questa discussione”. Più categorico era stato Willi Weber:“Michael non è intenzionato a tornare in Formula 1. Ha già preso a suo tempo la decisione”. I due, però, si sono incontrati proprio ieri per parlare di affari. Secondo alcuni per discutere il ritorno in F1. Per altri, solo per valutare il prosieguo o meno del ruolo di superconsulente con Ferrari.

    SOSTITUTO DI MASSA. Passano le ore, ma non escono fuori altri nomi. Anzi, se ne vanno costantemente. Improponibili Bourdais o Sato. Indisponibile Badoer. L’unica vera alternativa a Schumacher è Marc Gene’. Lo spagnolo potrebbe andare bene per una gara, ma non per le 7 che mancano da qui alla fine della stagione. Anche per questo l’idea del 7 volte iridato prende sempre più corpo benché, come fa notare la portavoce Sabine Kehm ricordando l’incidente in moto del febbraio scorso:“Non so dire se il suo collo potrebbe consentirgli di guidare in F1. E ricordate che è un uomo di 40 anni”.

    SMENTITA UFFICIALE. Ultim’ora. Per non illudere (e deludere) milioni di tifosi sparsi per il mondo, Michael Schumacher ha dichiarato che non scenderà in pista a Valencia dove, salvo imprevisti, toccherà a Marc Gené. Il manager del campione tedesco, però, ha lasciato aperta la porta ad un eventuale ritorno nell’amatissimo GP di Spa-Francorchamps (quello del debutto nel quale stupì tutti) e nella successiva Monza (per un grande abbraccio davanti ai tifosi italiani) sottolineando:“Ho detto no a Valencia. Per il resto, preferirei non esprimermi”.