Felipe Massa: Silverstone addio

felipe massa parla del prossimo gran premio di germania con la mente ancora a quello di silverstone dove ha raccolto una serie di brutte figure e critiche che, a suo dire, non lo hanno minimamente condizionato

da , il

    Per Felipe Massa, voglioso di riscatto dopo il GP di Gran Bretagna, queste due settimane che lo hanno separato dall’inizio del GP di Germania sono state tra le più lunghe della sua carriera. Il pilotino non vede l’ora di tornare a gareggiare per mettersi definitivamente alle spalle l’incubo Silverstone.

    DIMENTICARE SILVERSTONE. “E’ stata una corsa da mettere in archivio il prima possibile, nonostante ciò non l’ho ancora dimenticata. Ora, per fortuna arriva Hockenheim dove sono convinto di potermi riscattare”. Con queste parole Felipe Massa scaccia i fantasmi della oscena prestazione offerta in terra inglese e chiude il discorso in fretta:“Una gara storta può capitare, fa parte delle corse”.

    QUALI CRITICHE? Felipe Massa, pilota Ferrari da ormai 3 anni ha imparato a gestire la pressione. Ricordiamo ad esempio come si è risollevato dopo i due zeri consecutivi di inizio stagione. Oggi che è ancora in vetta alla classifica, quindi, non ha nessun timore di affrontare le critiche:“Ne ho sentite tante ormai - scherza il brasiliano – ma quello che mi viene detto fuori dalla squadra non mi tocca. Ci sono solo persone per le quali un giorno sei un brocco e il giorno dopo un campione… non mi lascio condizionare punto e basta!”

    IMPARATO DAGLI ERRORI. La scuderia di Maranello ha fatto quadrato evitando di scaricare le colpe della debacle inglese, almeno pubblicamente, su qualcuno in particolare. La reazione pare sia stata decisa e focalizzata su una ridefinizione delle procedure di lavoro in pista proprio per evitare nuove valutazioni sbagliate durante la gara. Vista la possibilità di pioggia, sembra che arriverà presto il nuovo banco di prova dal quale far partire il riscatto.

    VITTORIA ALLA SCHUMI. Chi ha voglia di tirare in ballo il Kaiser è proprio Massa. Per lui Schumacher è stato un vero e proprio maestro e, al di là del fatto che gli abbia veramente lasciato il sedile o meno, tra i due i rapporti sono ottimi:“Ci sarà anche lui nel box e spero che mi porti fortuna. Nel 2006 sono andato forte e ho fatto secondo. Qui mi piace e credo, sia per la configurazione della psita che per come sono andati i test, che la nostra vettura si troverà bene”