Fernando Alonso: Monaco mon amour

Fernando Alonso e Jarno Trulli parlano del Gran Premio di Monaco e del circuito di Montecarlo spiegando come per loro sia una delle sfide più affascinati e belle dell'intera stagione

da , il

    A Montecarlo la sua immagine è dappertutto. Fernando Alonso si presenta al Gran Premio di Monaco senza alcun particolare favore della vigilia ma non per questo sembra intenzionato a ritagliarsi un ruolo di secondo piano. Stesso discorso per il nostro Jarno Trulli che dichiara:“Qui vado sempre forte!”

    FERNANDO ALONSO “E’ sicuramente la gara che tutti i piloti vogliono vincere – ammette il pilota Renault parlando del Gran Premio di Monaco - “E’ uno dei miei circuiti preferiti ed ho dei bei ricordi per le vittorie nel 2006 e nel 2007. Il primo giro di prove libere il giovedi’ e’ sempre una grande sensazione e devi di nuovo abituarti alle strade cittadine strette e con i guard rail vicinissimi. I sorpassi sono difficili e rappresenta una gara impegnativa perche’ non c’e’ un momento di relax. Lo spagnolo ricorda che il grosso del lavoro sarà incentrato sul trovare un buon setup per il giro veloce, in modo tale da disputare una buona qualifica e raggiungere una posizione di partenza il più possibile a ridosso della prima fila. Come obiettivo sulla carta, non si fa illusioni e si limita a prenotare un piazzamento in zona punti. Ma dopo il sorprendente risultato di Barcellona, guai a porsi limiti.

    JARNO TRULLI. L’italiano della Toyota ricalca le parole dell’ex compagno di squadra ai tempi della Renault. Proprio con la Renault e proprio a Montecarlo, Trulli ha conquistato la sua unica vittoria in Formula 1. ”Monaco è un’autentica sfida - dichiara il pescarese - il pilota li’ puo’ fare la differenza. Il circuito è lento – prosegue Jarno – Ma quando si guida, sembra di andare fortissimo perche’ le barriere sono vicinissime. Bisogna essere completamente concentrati, il minimo errore puo’ costare caro”. Sebbene il pilota abbia molta voce in capitolo, l’esito della gara non può prescindere dalle qualità della macchina. In questo senso Trulli si dice convinto che la Toyota a Montecarlo saprà riprendersi dopo il brutto Gp d Spagna a Barcellona.