Fernando Alonso (quello vero) è sbarcato su Twitter: il profilo ufficiale è @alo_oficial

Fernando Alonso crea il suo profilo ufficiale su Twitter

da , il

    fernando alonso twitter ufficiale

    La cosa è passata un po’ in sordina ma Fernando Alonso è finalmente sbarcato su Twitter. Quello vero, è giusto sottolinearlo, ha aperto il suo account già da due settimane. Dall’11 marzo per la precisione. Appena in tempo per l’inizio della stagione 2012 di Formula 1. In effetti all’appello mancava solo lui tra i big del volante. Sottolineiamo l’evento perché da una parte apprezziamo l’impegno con il quale si sta mettendo in gioco raccontando la sua vita da pilota con commenti e tante foto e video; dall’altra, crediamo sia possibile, seguendolo sul noto sito di social network, riuscire a spazzar via molti luoghi comuni negativi sul suo conto. Fate un giro su twitter.com e chiedete di un certo @alo_oficial. Per il resto, diffidate dalle tante imitazioni.

    Fernando Alonso su Twitter

    “Sono state le mie prime settimane su Twitter e devo dire che è un’esperienza molto piacevole - ha commentato il pilota Ferrari sul suo blog ufficiale – Era una cosa che volevo fare da un po’ e mi ci sono dedicato con impegno, in prima persona”. Sul twitter di Fernando Alonso è possibile capire un po’ meglio quanto sia frenetica la vita di un pilota di Formula 1, oltre a conoscere quali siano i suoi veri amici e – per gli amanti del gossip – curiosare in qualche scambio di battute con la ex-moglie Raquel del Rosario. “Nei mesi scorsi avevo visto che si parlava tanto di me su Internet e sui social media così ho pensato che forse sarebbe stato meglio esserci davvero, no? Così posso raccontare dal mio punto di vista qual è la mia vita, cosa faccio quando sono in giro per il mondo per correre, cercando di far capire quelle che sono realmente le mie sensazioni - ha aggiunto l’asso di Oviedo – Niente di tecnico, perché in fondo la Formula 1 resta uno sport dove la riservatezza su certi argomenti rimane importante, ma più un modo per descrivere ciò che circonda l’attività di uno che fa il mio mestiere”.

    Alonso: “39mila followers in 4 ore”

    Solitamente per nulla disponibile a mettere in piazza i fatti privati, Alonso con questo gesto dimostra quanto già sostenuto a suo tempo: il problema non è una sua riservatezza di fondo ma il lavoro che sulla sua privacy viene fatto da giornalisti senza troppi scrupoli che vanno alla ricerca dello scoop anche quando questo non esiste. Rilasciare notizie di prima mano è un’altra cosa:“Per ora è molto bello, soprattutto leggere tutti i messaggi che mi scrivono i miei “follower”, i suggerimenti che mi inviano: non rispondo perché passerei tutto il giorno a farlo ma li leggo tutti e cercherò di migliorarmi nei prossimi tweet. Devo dire che sono rimasto molto sorpreso innanzitutto per il numero di “follower” che ho avuto da subito. Quando ho postato il primo video stavo facendo uno scalo a Doha prima di andare in Australia e nella lounge avevamo scommesso col mio manager e con Edoardo, il mio fisioterapista, in quanti si sarebbero iscritti al mio account prima della partenza: io ho detto mille, Luis ottocento ed Edoardo seicento. Beh, dopo quattro ore, al decollo per Melbourne, erano trentanovemila! Poi c’è l’entusiasmo: ci sono tantissimi messaggi e tutti positivi e devo dire che mi danno una grande carica”, ha concluso.