Fernando Alonso: solo Ferrari nella testa

Fernando Alonso rilascia le prime parole da ferrarista

da , il

    Fernando Alonso parla del suo arrivo in Ferrari. Dichiarazioni di circostanza, molto pacate e senza eclatanti promesse. Segno evidente che il pilota spagnolo sente già la pressione di un ambiente esigente, abituato a giudicare e, talvolta, stroncare anche i più grandi campioni. Buona fortuna.

    FERNANDO ALONSO. “Sono molto felice e orgoglioso di diventare un pilota della Ferrari. Guidare una monoposto del Cavallino Rampante rappresenta un sogno per tutti quelli che fanno questo mestiere e io oggi ho la fortuna di poterlo realizzare”, ha dichiarato l’asturiano al sito ufficiale della Ferrari. “Di questo voglio ringraziare innanzitutto il Presidente della Ferrari Luca di Montezemolo, che ha fortemente voluto questo accordo triennale. Già durante l’estate avevamo raggiunto un’intesa a partire dal 2011 ma poi, negli ultimi giorni, il quadro della situazione è mutato e abbiamo deciso di anticipare l’arrivo a Maranello di un anno”. Alonso conferma la versione ufficiale, vale a dire l’intervento dello sponsor Santander per liberare il sedile di Kimi Raikkonen e far avere il due volte campione del mondo a Maranello con 12 mesi d’anticipo. Per lui c’è anche un ringraziamento alla Renault, praticamente una seconda casa:“Gli anni trascorsi alla Renault sono stati fantastici: insieme siamo riusciti a vincere quattro titoli iridati e, fino ad oggi, 21 Gran Premi. Auguro alla squadra tutta la fortuna possibile”. Unico proclamo, riguarda l’impegno:“Tutte le mie energie saranno dedicate alla prossima stagione: sono sicuro che, insieme a Felipe, sapremo dare delle grandi soddisfazioni alla Ferrari e ai suoi tifosi sparsi in tutto il mondo. Non vedo l’ora di mettermi al lavoro con la mia nuova squadra. “

    INGAGGIO ALONSO. Sempre dall’attivissimo sito Ferrari arrivano importanti smentite. Non si fanno cifre, ma vengono ridimensionati i 25 milioni di ingaggio all’anno che, secondo alcuni giornali, sarebbero inseriti nel contratto dello spagnolo. Non solo, Maranello ci tiene a precisare che Alonso non si sarebbe portato dall’esterno alcun tecnico. Anzi:“Fanno sorridere anche le anticipazioni sui presunti arrivi di tecnici da destra e manca, come se a Maranello mancassero professionisti in grado di progettare e gestire monoposto e piloti vincenti…”