Ferrari: 2010 con Schumacher su terza vettura

La Ferrari insiste e fa pressioni sugli altri team di Formula 1 per schierare la terza vettura nella stagione 2010

da , il

    Stefano Domenicali e la Ferrari tutta credono ancora nel progetto terza vettura per il 2010. Inutile aggiungere che il bolide rosso sarebbe guidato da Michael Schumacher. Appurato che l’idea è tanto assurda quanto irrealizzabile, perché la dirigenza di Maranello insiste sul tema?

    FERRARI. “La terza vettura e’ una cosa che vogliamo”, ha dichiarato Stefano Domenicali ai giornalisti tedeschi della Bild am Sonntag. “Stiamo spingendo perché crediamo ci sia un senso, soprattutto per qualcuno come Michael Schumacher che non ha corso nel 2009 per ragioni di salute. Ma per il 2010… chi lo sa?”. Il team manager della Ferrari torna su un tema caro soprattutto al Presidente Montezemolo. Solo a lui, però, dato che gli altri team del Circus hanno bocciato l’idea e persino i tifosi del Cavallino si sono dimostrati freddi di fronte all’eventualità.

    SAUBER FERARRI. Ci siano chiesti perché la Ferrari voglia tanto insistere su questa assurdità della terza vettura. La spiegazione si chiama Sauber Ferrari. O meglio, quattordicesimo team. E’ nota ormai la strategia messa in atto dagli attori del Circus. Da Mosley in giù. Per ottenere l’autorizzazione a fare una determinata cosa, nella fattispecie l’ingresso del 14° team, se ne chiede un’altra ben più assurda alla quale poi si rinuncia fintamente a malincuore, con la consolazione (finta pure quella) di doversi accontentare dell’altra richiesta. Ufficialmente minore, realmente primaria.

    OSTACOLO WILLIAMS. Ricordiamo che l’opposizione più dura ad avere ben 28 macchine in griglia di partenza è arrivata dalla Williams. Gli altri membri della FOTA, McLaren in testa, si sono detti favorevoli ricordando come nel comunicato ufficiale dell’associazione dei team era stato dichiarato che sarebbe stato fatto tutto il possibile affinché la struttura di Hinwil potesse proseguire la propria avventura in F1 anche senza l’appoggio della BMW.