Ferrari: Alonso: correremo in difesa anche in Malesia

da , il

    F1, Melbourne Grand Prix   Il venerdì prima della gara

    Fernando Alonso è arrivato a Kuala Lumpur già nella giornata di Lunedi, per cercare di acclimatarsi velocemente al caldo malese. La gara di Sepang è la più lunga della stagione in termini di kilomentri, ma soprattutto è la più faticosa dal punto di vista fisico, e affrontarla preparati nella maniera migliore è fondamentale e può anche fare la differenza in pista.

    Però il pilota spagnolo sa perfettamente che, anche se il fisico lo assisterà nel migliore dei modi, certo non si può essere sicuri delle prestazioni della F2012: “Correremo in difesa anche in Malesia. Non può essere altrimenti, visto che la vettura è praticamente identica a quella che abbiamo utilizzato in Australia. Dovremo cercare di adattarla al meglio, sapendo che ci sarà da soffrire”.

    Il Bicampione del Mondo continua nel suo commento sulla prossima gara: “Dovremo lavorare su due punti principali: trovare il giusto compromesso sul carico aerodinamico e il degrado degli pneumatici. A Sepang ci sono due veri rettilinei molto lunghi, e un deficit di velocità di punta si paga più a caro prezzo rispetto a Melbourne, dove i due rettifili dove si poteva usare il DRS erano abbastanza corti. Vedremo poi come si comporteranno gli pneumatici Pirelli con temperature elevate come quelle malesi. L’anno scorso arrivammo a fare quattro soste: vedremo se la situazione si ripeterà anche stavolta.

    Infine Alonso parla del clima che troverà sul circuito malese:Non c’è altro circuito al mondo dove si passi dal sole accecante alla pioggia torrenziale nello spazio di pochi minuti: nemmeno a Spa c’è una variabilità così accentuata. Bisognerà tenere gli occhi aperti e il radar bene in vista sul muretto per poter gestire nella maniera migliore un eventuale cambiamento delle condizioni. Al momento le previsioni danno un’elevata possibilità di pioggia sia per le qualifiche che per le gara, ma mi fido poco. L’unica certezza assoluta è che farà caldo. Molto caldo…”