Ferrari, Alonso: F10 veloce come la Red Bull

Formula 1: secondo Fernando Alonso, la Ferrari è vicina in termini di prestazioni alla Red Bull

da , il

    Fernando Alonso crede che la Ferrari sarà allo stesso livello della Red Bull già nel prossimo Gran Premio di Germania, in programma tra poco più di una settimana sul circuito di Hockenheim. La scossa ottimistica arriva pensando alla crescita registrata in termini prestazionali e, probabilmente, sperando che il conto con la sfiga non possa che essere che chiuso. Se quest’ultima considerazione fosse vera, d’ora in poi non potranno che arrivare gare positive per lui e per la scuderia italiana.

    FERRARI. La Red Bull è stata decisamente superiore a Ferrari e McLaren nella prima parte della stagione ma va detto che Silverstone è un tracciato che si adatta perfettamente alle caratteristiche della creatura di Adrian Newey (che dominò anche l’edizione 2009). “Credo che si sia fatto un ottimo sviluppo della macchina. Credo che siamo molto vicini alla Red Bull in termini di prestazione. Sono fiducioso che in un tracciato normale come quello di Hockenheim si possa lottare con loro per la pole position”, ha dichiarato Fernando Alonso durante un incontro con i tifosi ospitato dal sito Ferrari.

    ANDREA STELLA. Uno dei punti di forza del gruppo che segue Fernando Alonso è l’ingegnere di pista Andrea Stella. Il Solfrizzi di Maranello è stato incenerito da Alonso durante il GP di Gran Bretagna con un “non voglio più radio!” via radio. Questo, però, non sta a significare che tra i due ci sia tensione. Tutt’altro:“E’ una relazione speciale – ha spiegato Alonso - è il membro del team con il quale spendo più tempo in pista e con lui mi sono trovato bene sin dal primo giorno. E’ superbo ed ha un gran carattere. Mi incita a fare meglio ma riesce anche a calmarmi durante i momenti di stress. In gara cerca di darmi più informazioni possibili ma a Silverstone - ha svelato l’asturiano – ero molto indispettito dopo la penalità che mi ha portato fuori dalla zona punti e quando Andrea mi stava dicendo il ritardo dalle altre macchine gli ho chiesto di lasciar stare per potermi concentrare solo sulla rimonta, cercando di dare il massimo”.

    RED BULL. Red Bull? Provate a prenderla! Emergono ulteriori dettagli in merito al “casino” stampato da Mark Webber con la pesante polemica nei confronti del team: pare che anche lui avesse avuto delle parti di monoposto più nuove, non inserite sulla macchina del compagno di squadra, ma che abbia comunque deciso di creare scompiglio perché consapevole che la Red Bull non gli vorrebbe rinnovare il contratto. Sebastian Vettel, comunque, butta acqua sul fuoco:“Cerco di concentrarmi su me stesso, questo è ciò che conta. Abbiamo una vettura molto buona e se corri contro macchine con un passo molto vicino e piloti con velocità simili, ti capita di incrociarli ogni tanto. Questo è normale. Queste sono le gare ed è quello che i tifosi amano,”