Ferrari, Alonso rivela: “io sono felice con Felipe Massa”

da , il

    Gp Valencia 2012, mondiale F1

    AP/LaPresse

    Nel deserto di notizie che possano rendere sportivamente più interessante il Gran Premio d’Europa a Valencia, irrompono le voci di mercato a dare un po’ di brio a un giovedì altrimenti caratterizzato da malumori degli spagnoli per una gara che non vogliono e i soliti discorsi sulle gomme Pirelli e quanto incideranno sui valori in campo.

    Alle dichiarazioni di Domenicali su una possibile accoppiata Alonso-Vettel è subito montato il fantamercato, prospettando scenari che riteniamo ancora irrealistici.

    Lo spagnolo non si è scomposto più di tanto dopo i rumors che insistentemente vorrebbero il tedesco campione del mondo a Maranello, né si è preoccupato davanti alle domande di un possibile ricongiungimento in squadra con Hamilton. Piuttosto, ha confermato la piena fiducia in Felipe Massa, sempre più fuori dalla Ferrari – almeno a guardare i risultati -, nonostante dal team si professi serenità e anche la possibilità di una riconferma le attese inizieranno a essere ricambiate. «Io sono felice con Felipe. In ogni caso, chiunque dovesse mai arrivare, nel caso, qualcuno qui in Ferrari rimpiangerà Massa» è arrivato a dichiarare Alonso, da quanto riporta la Gazzetta dello Sport. «Felipe è molto bravo e lo ha sempre dimostrato», ha proseguito lo spagnolo.

    Adesso, d’accordo tutto Nando, ma arrivare a rimpiangere il Massa delle ultime due stagioni è un po’ esagerata come affermazione. Dal canto suo Felipe si è sbilanciato sul prossimo week end a Valencia, dichiarando ad Autosport: «Molti piloti possono vincere e mi metto anch’io in quel gruppo. Se guardiamo a come cambiano le gare a seconda delle strategie, ci sono tante possibilità». Sui complimenti ricevuti dal compagno di team, ha poi detto: «E’ sempre molto meglio ricevere commenti positivi da persone che ne capiscono di più sulla guida. Le persone sanno di cosa sono capace. Ho già visto dei cambiamenti da due o tre gare a questa parte».

    Sempre in ottica 2013, ad Alonso è stato chiesto se abbia o meno voce in capitolo sulla scelta del compagno di squadra, una sorta di “diritto di veto”. «In passato, mai. Adesso in Ferrari sì. Mi reco in fabbrica ogni settimana, qualche volta incontro il presidente Montezemolo e Stefano [Domenicali]. Parliamo dello sviluppo della macchina, del futuro della Formula 1, dei clienti Ferrari, di compagni di squadra eccetera».

    Se il quadro fosse davvero come prospettato, tutte le illazioni di un Vettel o Hamilton in Ferrari difficilmente verrebbero a realizzarsi. Che interesse potrebbe avere Alonso ad acconsentire a un compagno di squadra ingombrante? E soprattutto, da quanto tempo la Ferrari non gestisce due primedonne in squadra?