Ferrari crede nel titolo 2012: in campo anche Montezemolo

Formula 1: ad aiutare la Ferrari nella disperata missione di vincere con Alonso il titolo mondiale 2012 scende in campo anche Montezemolo

da , il

    montezemolo domenicali ferrari f1 2012

    Se Fernando Alonso dovesse riuscire a vincere il titolo mondiale 2012 di Formula 1, dovremmo veramente toglierci il cappello davanti alla Ferrari. A due gare dalla fine abbiamo un Sebastian Vettel in forma strepitosa con 10 punti di vantaggio in classifica che guida una Red Bull stratosferica pur se non del tutto affidabile. La scuderia italiana risponde con un Alonso altrettanto superlativo ma ha un mezzo meccanico non all’altezza delle missione. E’ proprio qui il punto: a Maranello ci credono ancora. Contro ogni logica razionale, sentono di potersela giocare. A ribadire il concetto ci si è messo anche il presidente Luca di Montezemolo. Che sia, in verità, solo una tattica per spaventare i rivali austriaci e – magari – costringerli a spingere un po’ di più sullo sviluppo andando a perdere ulteriore affidabilità? E’ possibile.

    Ferrari abituata ai rush finali

    E’ il sito ufficiale della Ferrari a ricordarci, qualora ce ne fosse bisogno, che dal 1997 al 2012, tranne in tre occasioni (2005, 2009 e 2011) c’è sempre stata una Rossa in lotta per il titolo mondiale fino all’ultima gara. Il dettaglio non è irrilevante sebbene nel 2010, proprio contro l’inesperta Red Bull, sia andato in scena un flop clamoroso. L’esperienza conta. Di solito. Al termine di una lunga riunione con Stefano Domenicali e gli altri esponenti di spicco della squadra, il presidente Luca di Montezemolo ha rilasciato dichiarazioni dure ma che serviranno da stimolo ai suoi uomini:“Abbiamo davanti dieci giorni cruciali, in cui dobbiamo fare di tutto per presentarci in Texas con una vettura in grado di puntare alla vittoria. Le parole stanno a zero: questo deve essere il nostro obiettivo.” Montezemolo vuole crederci a tutti i costi:“Resto comunque fiducioso perché tutto è possibile” – ha aggiunto - Dipende da noi: ancora una volta in questi ultimi quindici anni arriviamo a giocarci il titolo fino alla fine e abbiamo visto come situazioni di classifica ben più difficili siano poi state ribaltate. Sta a noi non lasciare nulla d’intentato: sono certo che la voglia di vincere anima tutti gli uomini e le donne della Ferrari e che tutti lavoreranno con assoluta determinazione, dando quel 120% che Fernando continua a dare. Io sono il primo a crederci.”

    Montezemolo: “Deluso dagli aggiornamenti portati in pista”

    Montezemolo non si limita ad incitare i suoi. Per loro ci sono anche delle critiche. La lingua batte dove il dente duole. L’argomento è sempre lo stesso. Quello già toccato in modo energico da Fernando Alonso. Gli sviluppi sulla vettura non sono all’altezza delle aspettative:“Voglio capire perché le novità tecniche che abbiamo portato in pista abbiano migliorato la prestazione della F2012 in maniera soltanto parziale e comunque insufficiente a permettere ad Alonso di lottare per le primissime posizioni in qualifica malgrado le aspettative dei nostri stessi ingegneri fossero diverse - ha ricordato il presidente della Ferrari parlando dello scorso fine settimana - è evidente che dobbiamo fare di più per le prossime gare. E’ questo ciò che ho chiesto oggi a Domenicali e ai suoi uomini”.