Ferrari: duro attacco alla Williams

La Ferrari attacca duramente la Williams per aver impedito a Michael Schumacher di effettuare un test con la F60, la vettura del campionato 2009, prima del GP di Valencia

da , il

    Alla faccia del “vogliamoci bene” che impera tra i membri della FOTA. Sul sito ufficiale, la Ferrari se ne esce con un comunicato dove attacca, pur senza nominarla, pesantemente la Williams per aver vietato a Michael Schumacher di provare la F60 prima di Valencia.

    FERRARI CONTRO WILLIAMS. “Indovinate un po’ chi si è opposto al test con la F60? – si legge sul sito ufficiale della Ferrari in riferimento all’impossibilità di Michael Schumacher di provare la vettura del 2009 causa opposizione, in primis, della Williams - Una scuderia che non vince da molti anni e che non ha perso l’occasione per dimostrare ancora una volta scarso spirito sportivo” l’identikit è scarno ma inequivocabile. Tutt’altro che sportivo, a dirla tutta. “Solo una nota per la cronaca – prosegue il comunicato che mette in chiaro anche la posizione del Cavallino nei confronti di Red Bull e Toro Rosso, le altre due contrarie – la Scuderia Ferrari aveva dato il suo ok al test del giovane Alguersuari ma pare che anche in questo caso qualcuno abbia tirato fuori l’interpretazione alla lettera dei regolamenti

    BERNIE ECCLESTONE. “È come il ritorno di Frank Sinatra, no?”, un emozionato Bernie Ecclestone non parla d’altro ormai che del ritorno alle gare di Michael Schumacher. “Cosa fará Schumi? - ha detto a Sky Sports – Aspettiamo e vediamo. Non penso che avrebbe accettato la sfida se non pensasse di essere competitivo. Intendiamoci, la macchina potrebbe non essere competitiva sin da subito, quindi lui potrebbe soffrire un po’”. Secondo il patron della Formula 1, però, non c’è da scandalizzarsi per la scelta di Williams, Red Bull e Toro Rosso di vietare i test al campione tedesco:“Ci sono delle regole e i team dicono: perché dovrebbero essere cambiate per una sola persona?”.

    FELIPE MASSA. Il recupero fisico di Michael Schumacher va di pari passo con la riabilitazione di Felipe Massa. Il pilota brasiliano è tornato in patria, è stato sottoposto ad ulteriori controlli all’ospedale “Albert Einstein” di San Paolo e poi, finalmente, è stato spedito a casa. Tolti anche i punti di sutura dell’operazione. Non si riesce ancora a quantificare il numero di Gran Premi che salterà. Inizialmente si parlava di stagione finita. Ora il percorso potrebbe essere ben più breve. Secondo indiscrezioni, Michael Schumacher si porterà a casa 1 milione di Euro per ogni gara corsa in sostituzione del brasiliano. Come se per il 7 volte campione del mondo, fosse un discorso di soldi…