Ferrari: evitato a tavolino il duello nei test tra Michael Schumacher e Kimi Raikkonen

Dopo l'umiliazione con Felipe Massa Ferrari evita a tavolino il duello nei test tra Michael Schumacher e Kimi Raikkonen

da , il

    Ferrari: evitato a tavolino il duello nei test tra Michael Schumacher e Kimi Raikkonen

    Dopo aver dato la paga a Felipe Massa nei test di Barcellona, pensate che Michael Schumacher non avrebbe fatto altrettanto nei confronti di Kimi Raikkonen la prossima settimana a Jerez?

    Per evitare conflitti, tensioni e speculazioni, la Ferrari ha deciso che Schumi e Raikkonen gireranno in giorni diversi.

    Il programma prevedeva da tempo che dopo Felipe Massa toccasse a Raikkonen prendere confidenza con la nuova vettura. Parallelamente, per completare lo sviluppo, era già stato deciso che il Kaiser avrebbe fatto da collaudatore della F2007 senza traction control assieme al solito Luca Badoer

    Il primo capitolo della storia, come tutti sappiamo, è andato in scena a Barcellona. Lì i titoli dei giornali furono tutti per la clamorosa quanto intatta competitività del sette volte campione del mondo, capace di rifilare un distacco imbarazzante a Massa.

    Visto e considerato, però, che sulle doti del pilotino sono in molti ad avere dei dubbi, più che la sconfitta del pilota titolare, a fare rumore fu proprio l’esaltante stato di forma del tedesco.

    Un’aria diversa ci sarebbe, invece, se l’episodio si dovesse ripetere nei confronti dell’attuale campione del mondo in carica.

    Per togliersi di torno questa patata bollente e al contempo non rinunciare al prezioso apporto di Michael Schumacher come collaudatore, la Ferrari ha escogiato di far girare i due “strategicamente” in giornate diverse, in modo da rendere in tempi non direttamente confrontabili.

    L’indiscrezione viene dalla Bild per cui è tutta da confermare. Tale soluzione, va sottolineato, da una parte risolve, ma dall’altra ammette che un certo imbarazzo sia presente all’interno della squadra. Se si fossero sentiti tranquilli, infatti, avrebbero sorvolato il problema della convivenza tra i due campioni senza percepirlo neanche come un pericolo.