Ferrari F1 2018: anteprima livrea rosso metallizato

Senza lo sponsor Santander si pensa che la nuova livrea della Ferrari F1 2018 sarà più rossa, di un rosso più intenso e... metallizzato

da , il

    Ferrari F1 2018: anteprima livrea rosso metallizato

    La nuova livrea della Ferrari di F1 2018 potrebbe essere rosso metallizzato con meno inserti bianchi. E’ questa la logica che si vocifera stia vigendo nel reparto sviluppo e design del Cavallino Rampante dopo l’ufficializzazione della fine della collaborazione con lo sponsor Santander che aveva portato la livrea ad un colore rosso più tendente all’arancio.

    Sulla nuova Ferrari di F1 2018 sarà anche ridotto lo spazio bianco sopra il cofano dato che non sarà più presente la vistosa pinna che è stata vietata per regolamento.

    Un’idea di come potrebbe essere la Ferrari di Sebastian Vettel e Kimi Raikkonen, quindi, la possiamo avere in anteprima dal designer Sean Bull che da anni ormai si diverte ad immaginare le nuove livree delle monoposto di Formula 1.

    Per avere l’ufficialità, invece, dovremmo attendere ancora un paio di mesi.

    Ferrari, Arrivebene:”Mercedes più abituata a vincere”

    La stagione 2018 di Formula 1 vedrà la Ferrari presentarsi ai nastri di partenza con l’obiettivo di sfidare la Mercedes alla pari anziché inseguirla ancora. Nel 2017 Vettel se l’è giocata quasi fino alla fine beneficiando di una W08 difficile da mettere a punto per Hamilton e Bottas ma imprendibile nelle giornate ok.

    “Abbiamo conquistato qualche pole position ed è stato un evento ma per noi deve diventare un’abitudine – ha fatto notare Maurizio Arrivabene – Sto parlando del fatto che dobbiamo abituarci a vincere anziché vedere i successi come delle eccezioni. Vincere deve diventare il normale esito del nostro lavoro dato che sappiamo come fare per riuscirci”.

    Mercedes ha più meriti della Ferrari

    Nel 2017, su un totale di 20 gare, la Ferrari ha ottenuto 5 vittorie contro le 12 della Mercedes, 5 pole position contro 14 e 7 giri veloci contro 9. “Sono stati buoni numeri ma non sufficienti per vincere il campionato. La Mercedes, a differenza nostra, è più abituata a vincere e questo dà loro una grande forza”, ha aggiunto il direttore della Gestione Sportiva della Ferrari.

    In effetti, ai tedeschi va reso il grandissimo merito di essere riusciti a confermarsi nonostante un drastico cambio di regolamenti scritto per minare il loro dominio e nonostante la perdita del campione del mondo in carica e del direttore tecnico Paddy Lowe, sostituito dalla new entry James Allison che fino a pochi mesi prima aveva avuto lo stesso incarico in Ferrari… ma con risultati ben diversi.